Draghi fa fuoco e fiamme e lancia l’anatema

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La crescita è troppo basse per ridurre la disoccupazione, non possiamo ritardare le riforme strutturali” ha detto a Washington, intervenendo al Fmi,  il presidente della Bce, Mario Draghi che ha aggiunto: “Non vedo un’uscita dalla crisi a meno che non ci sia fiducia nel futuro potenziale delle nostre economie”. In questo senso i paesi che non hanno spazio di manovra fiscale, possono comunque stimolare la domanda “modificando la composizione del bilancio, in particolare tagliando allo stesso tempo le tasse distorsive e le spese improduttive”. Draghi lancia poi un monito ai governi dell’Eurozona: “Chi non riforma sparirà”.

Nel bollettino la Bce rassicura sulla Germania: il mercato del lavoro tedesco si è ripreso con relativa facilità dagli effetti della recessione grazie ai “continui progressi verso una maggiore flessibilità del mercato del lavoro, conseguenza di ampie riforme varate prima della crisi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA