E adesso andiamoceli a riprendere in India

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

Le pressioni italiane valgono zero. L’India non si sente affatto imbarazzata dal proseguire nel tenere bloccati i nostri marò. E così, come preventivato, è arrivata un nuovo rinvio. La Corte Suprema indiana ha deciso oggi di rinviare l’udienza sul caso dei Marò a lunedì 24 febbraio alle 14 (le 9,30 in Italia) in attesa di una risposta scritta del governo sull’applicabilità o meno per questo caso della legge per la repressione della pirateria (Sua act). Il procuratore generale indiano G E Vahanvati ha  precisato che spetterà al ministero della Giustizia valutare  l’applicabilità del Sua Act, la legge antipirateria e antiterrorismo. Anche se il rischio della pena di morte per Latorre e Girone e’ stato escluso, l’Italia si oppone alla possibilità che vengano processati  in base al Sua Act, perché significherebbe paragonare i due fucilieri di Marina a dei terroristi. L’ultimo rinvio sul caso e’ del 10 febbraio scorso, quando la  Corte suprema di Nuova Delhi aveva rinviato a oggi, per la seconda  volta, una decisione sui capi di imputazione.

De Mistura, l’invia italiano in India per seguire il caso, aveva promesso fuoco e fiamme in caso di ulteriore rinvio. Ecco quello che ha prodotto: “Ad un ulteriore rinvio noi opponiamo un ulteriore ultimatum – ha detto -. Comunque sara’ Roma che deciderà nelle prossime ore la linea da prendere davanti a questa situazione. Non e’ che con questa tattica dilatoria e qualche minima concessione l’India riuscirà a calmare il nostro sdegno”. Qualcuno spieghi a  De Mistura che gli ultimatum non si replicano, altrimenti non sono ultimatum. Dopo l’ultimatum si agisce… Ma è proprio ciò che l’Italia non è stata in gradi di fare da due anni a questa parte. Agire.

Qualcosa la fa il ministro Bonino. Ma tra il considerare indesiderato l’ambasciatore indiano e richiamare il nostro in patria scegliamo – come se avesse pagato finora – sempre la linea più morbida. “Il governo italiano – ha infatti annunciato il nostro ministro degli Esteri, in odore di riconferma col governo Renzi – ha disposto l’immediato richiamo a Roma per consultazioni dell’ambasciatore a New Delhi, Daniele Mancini”.

Alza la voce la Angelilli: “L’ennesimo rinvio della decisione è assolutamente sconcertante: da due anni l’India ha sequestrato i nostri marò calpestando i diritti umani fondamentali e ogni trattato internazionale, un comportamento indegno di uno stato di diritto con istituzioni e tribunali che si rimpallano vergognosamente le proprie  responsabilità, incapaci di prendere una decisione e strumentalizzando in maniera bieca la vicenda”. Il vicepresidente del Parlamento europeo Roberta Angelilli dalle 6 di questa mattina in presidio con i giovani di Ncd davanti all’Ambasciata dell’India a Roma insiste: “L’unica richiesta dell’Italia a questo affronto, con il supporto della comunità internazionale, deve essere il rimpatrio dei nostri marò”.