E’ Claudia Alivernini la prima infermiera dello Spallanzani vaccinata contro il Covid-19. “Lo dico col cuore: vacciniamoci per noi, per i nostri cari e per la collettività”

Claudia Alivernini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ho la consapevolezza che oggi sia un giorno importante e decisivo. La scienza e la medicina sono le uniche cose che ci permetteranno di uscire da questo virus. Lo dico col cuore: vacciniamoci per noi, per i nostri cari e per la collettività”. E’ quanto ha detto Claudia Alivernini, l’infermiera 29 enne dello Spallanzani tra le prime tre vaccinate d’Italia (leggi l’articolo). “E’ con profondo orgoglio e grande senso di responsabilità che oggi ho fatto il vaccino – ha aggiunto -: piccolo gesto ma fondamentale per tutti noi.

“Oggi sono qui come cittadina ma soprattutto come infermiera – ha detto ancora la 29enne – a rappresentare la mia categoria e tutti gli operatori sanitari che hanno scelto di credere nella scienza. Ho toccato con mano e visto con i miei occhi quanto sia difficile combattere questo virus, essendo stata in prima linea dall’inizio dell’emergenza: è stato doloroso assistere alle sconfitte che questo virus ha causato. Ma oggi c’è la consapevolezza che è un giorno importante e decisivo. La scienza la medicina sono l’unico mezzo insieme al senso civico di ognuno di noi che ci permetteranno di uscire vincitori da questa battaglia così dura. Lo dico col cuore: vacciniamoci, per noi per i nostri cari e per la collettività”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA