I collaboratori di giustizia non pagano l’Imu. Succede a Mondragone dove il comune ha ideato lo stratagemma per tagliare l’odiata tassa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Laura Benedicenti

Il Comune di Mondragone, nel casertano, ha proposto la riduzione dell’Imu per i collaboratori di giustizia e per le vittime dell’usura. Quello di Asti ha anticipato la decisione del presidente Letta e sulla tassazione della prima abitazione ha deciso il rimborso alle persone con redditi bassi e redditi leggermente più alti, che siano però gravate da mutuo.
Il sindaco di Ravenna sta studiando una manovra straordinaria per attenuare l’Imu sulle imprese che, in base alle norme governative-nazionali, se la vedrebbero aumentare automaticamente.
Dopo l’annuncio sulla sospensione della rata di giugno e in attesa di una revisione sulla tassazione di cui si attendono dettagli, il Comune di Cagliari si porta avanti e l’imposta municipale unica per tutti i tipi di immobili. Fatta eccezione per le case sfitte, i cui proprietari continueranno a versare l’imposta con aliquota all’1,06%. In molti piccoli centri della Toscana il referendum di accorpamento dei comuni ha risolto molti problemi. Il Comune unico di Castelfranco e Pian di Scò, uniformando le aliquote Imu e Irpef così come i costi dei servizi come la nettezza urbana , i trasporti e la mensa scolastica e gli interventi di assistenza sociale, potrà beneficiare di enormi vantaggi economici.
Gli abitanti di Figline e Incisa saranno esenti per tre anni dal Patto di Stabilità, che nella condizione attuale impedisce ai Comuni di spendere 27 milioni di euro disponibili nelle proprie casse per interventi già programmati. L’evidente risparmio che si ottiene unendo due amministrazioni vicine consentirà di alleggerire anche il peso dell’Imu.
Intanto l’apprezzamento maggiore Enrico Letta sembra riscuoterlo sugli interventi annunciati in materia fiscale ed economica: quasi 8 cittadini su 10 (secondo il sondaggio Demopolis) accolgono con favore il blocco dell’ ulteriore inasprimento dell’ Iva.
In attesa della revisione delle politiche fiscali in materia, il 75% approva, in tempi di crisi per le famiglie, la scelta di uno stop ai pagamenti Imu di giugno sulla prima casa.