E la dolce morte sfida l’indifferenza dei media

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Astrid Nausicaa Maragò

Per  colpa  dello  “spread  di  diritti”  rispetto al resto d’Europa, sempre più italiani varcano i confini nazionali per divorziare, abortire, procreare e infine anche per morire. Ogni anno in Italia sono circa mille i malati terminali che ricorrono al suicidio per porre fine alle proprie sofferenze. Altri mille, secondo  quanto  riportato  dall’Associazione Coscioni, tentano il suicidio, e dei circa 90mila pazienti terminali che muoiono ogni anno nel nostro paese, più del 60% fanno ricorso  all’eutanasia  praticata  dai  medici clandestinamente. Una trentina di cittadini italiani, poi, si recano in Svizzera per andare incontro alla cosiddetta “dolce morte”, sottraendosi così a una fine dolorosa. Sono spesso costretti a esalare l’ultimo respiro lontani dai loro affetti familiari, perchè nel nostro paese è vietata l’eutanasia, e quindi il suicidio assistito, in tutte le sue forme. Mentre all’estero la situazione normativa è differente. In Svizzera, Belgio, Olanda e Lussemburgo sono infatti legali sia la pratica del suicidio medicalmente assistito, sia l’eutanasia “attiva”, ottenuta per via farmacologica. In Svezia e Germania è consentita dalla legge solo l’interruzione delle cure, quindi la cosiddetta “eutanasia passiva”, mentre in Francia la legge è più restrittiva ma permette comunque il ricorso alla procedura di “sedazione terminale” nei confronti dei pazienti costretti a una lunga agonia o soggetti a estreme sofferenze e dolori.

Per eludere la lacuna normativa sul fine vita e sul testamento biologico, molte persone  scelgono  di  spegnersi  lontano  dalla loro casa, tra il silenzio e l’indifferenza dei media che non sembrano ancora pronti – come accade per altri temi eticamente sensibili – a infrangere il tabù. E’ il caso di Piera Franchini, malata terminale di cancro al fegato, che ha realizzato un video a testimonianza del suo ultimo viaggio, che si è concluso lo scorso 29 novembre in una clinica Svizzera dove era stata accompagnata da Marco Cappato. Il video  è  stato reso pubblico ieri, in occasione della presentazione della campagna “EutanaSia le- gale” promossa dall’Associazione Coscioni. L’obiettivo è quello di porre fine al triste fenomeno del “turismo della dolce morte” e ottenere che sia garantito per legge anche in  Italia  il  diritto  all’autodeterminazione, che sia posta una disciplina precisa sul testamento biologico, e che l’eutanasia diventi legale. La campagna di mobilitazione nazionale, sostenuta dai Radicali Italiani e da molte associazioni, è volta a raccogliere le firme per presentare una proposta di legge di iniziativa popolare sul “Rifiuto di trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia”. Si richiede quindi allo Stato di costruire e tener in vita un sistema che possa raccogliere e documentare la volontà dei cittadini e che allo stesso tempo imponga ai medici l’obbligo di rispettarla.

Uno dei primi firmatari della proposta è stato Umberto Veronesi, e come lui anche molte altre personalità del mondo della cultura, dell’informazione e dello spettacolo hanno deciso di supportare la causa, che al momento ha superato la quota delle 9500 firme (comuni esclusi) sulle 50mila necessarie perché possa arrivare in Parlamento.

@astridnausicaa