Eccellenze piemontesi al Circolo antico Tiro a volo. Ghiotta occasione per i vip romani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In piemontese “cena sinoira” vuol dire cena e merenda. Un’espressione che deriva dall’abitudine di cenare abbastanza presto rispetto a quanto si usa al Sud. Da qui la “cena sinoira” offerta presso il Circolo antico Tiro a volo di Roma, in collaborazione con i Comuni del territorio Canavesano,  rappresentati dal sindaco di Burolo Franco Caminetto e da Caterina Andorno, presidente del Consorzio di tutela e valorizzazione dei vini Doc di Caluso e Carema Canavese, il famoso Erba Luce di Caluso. Così è nato un incontro gastronomico tra Piemonte e Lazio che ha entusiasmato gli ospiti, deliziati dalla degustazione delle eccellenze proposte dall’Associazione piemontesi nel mondo, in collaborazione con gli chef del tiro a volo. Un appuntamento dove accanto alla cucina tradizionale, l’hanno fatta da padrone i vini di incredibile qualità.

Amedeo Goria con lo chef
Amedeo Goria con lo chef
Al centro il Prof. Andrea Tasca
Al centro il Prof. Andrea Tasca
Anna Maria Tarantini
Anna Maria Tarantini
Maria Monsè
Maria Monsè
Elisabetta Napolitano con Richard A. Lockshin e Zahra Zakeri biologi americani esperti in Apoptosi
Elisabetta Napolitano con Richard A. Lockshin e Zahra Zakeri biologi americani esperti in Apoptosi
Lo chef con alcuni ospiti
Lo chef con alcuni ospiti