Ecco il trucco di Renzi per inaugurare la Salerno-Reggio. Ci sarà l’inaugurazione ma solo perché sono stati cambiati i progetti iniziali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Renzi l’ha annunciato in pompa magna: il 22 dicembre verrà inaugurata la Salerno-Reggio Calabria. Com’era facilmente immaginabile, nessuno ci ha creduto. Eppure, in realtà, i tempi potrebbero essere rispettati. Ma ovviamente c’è il trucchetto. A dirlo è stato il presidente di Ance Calabria, Francesco Berna,  che ha evidenziato la nuova riduzione di fondi destinati alle infrastrutture in Calabria. Il costo complessivo per completare la Salerno-Reggio Calabria è sceso, nel giro di pochi mesi, da più di 9 miliardi a poco più di 3. Tutto questo perchè il Governo ha sostituito i progetti che prevedevano le nuove tratte dell’A3 e della Ss 106 con nuovi elaborati che si limitano all’ammodernamento dei tracciati esistenti. “Restyling” li chiama la stessa Anas. In pratica, dunque, sì ci sarà l’inaugurazione (mancano solo 10km da cantierare) ma solo perchè verranno chiusi i cantieri, mentre i lavori di ammodernamento continueranno con l’escamotage del “restyling”. Nel frattempo, tanto per cambiare, l’Anas Calabria è stata commissariata. Il movito? Cinque dirigenti sono indagati dopo il blocco a gennaio di 10 ore per neve sull’A3.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA