A chi serve davvero la rabbia di Gianluigi. L’ex grillino è deluso dal Movimento ma non schioda dalla poltrona

di Gaetano Pedullà

Dopo aver fatto di tutto e di più per farsi buttare fuori dal Nulla grazie al quale si è beccato un posto in Senato, Gianluigi Paragone sta facendo adesso il possibile per dimostrare che i Cinque Stelle hanno avuto ragione da vendere nell’espellerlo. Da voce critica e memoria delle battaglie degli anni in cui nasceva il Movimento (mentre lui era altrove, in area leghista) il parlamentare (mica si dimette, eh!) sta continuando a fare chissà se inconsapevolmente da quinta colonna dei nemici giurati dell’unica forza politica davvero dirompente nello scenario italiano.

A Sinistra, infatti, non ce la fanno proprio a recuperare i legami col proletariato e le periferie, forse per l’esaurimento delle stesse ragioni storiche di un’offerta politica a cui non resta che affidarsi alle sardine. A Destra invece il campo è egemonizzato da un ticket Salvini-Meloni che semmai andrà al Governo ci porterà fuori dalle regole costituzionali (i pieni poteri), fuori dall’Europa (con l’amica Le Pen) e fuori dall’euro, con buona pace del partito del Pil che solo a quel punto capirà che bell’affare è per le imprese italiane farsi pagare e vendere utilizzando le conchiglie o le lirette equivalenti. Al contrario di questi, il M5S lentamente, in qualche caso goffamente, parando i colpi dello Stato profondo, delle burocrazie, di una stampa e tv perennemente ostili, ha portato a casa in meno di due anni riforme storiche, e altre ne potrà centrare.

Riforme che potranno utilizzare le aperture che arrivano da un’Europa a cui oggi conviene – a partire dalla Germania – accantonare le vecchie politiche del rigore sui conti pubblici e prolungare l’allentamento monetario. Non c’è in questo un’improvvisa generosità verso l’Italia, ma l’esigenza di Berlino di soccorrere le sue banche e salvare l’industria dell’auto da cui dipende tutto il sistema industriale tedesco. Altrettanta flessibilità serve a Parigi, dilaniata dal malcontento e dagli scioperi, e all’Europa consapevole della necessità di una nuova forte crescita, per non soccombere tra i due giganti Usa e Cina che si stanno mettendo d’accordo anche sui dazi.

Dunque proprio ora che possiamo godere dei benefici delle banche centrali di tutto il mondo e far ripartire un po’ di credito bancario alle piccole imprese, che possiamo battere con successo i pugni per avere da Bruxelles i soldi con cui magari riambientalizzare l’ex Ilva a Taranto o in ogni caso consolidare un Paese divenuto una bomba sotto il profilo idrogeologico, e che possiamo riqualificare in modalità green il nostro sistema industriale, colpire il Movimento che sta garantendo tutto questo sostenendo il Governo Conte significa dare uno schiaffo agli italiani, per il solo vantaggio di accontentare il proprio ego o trascinarci in avventure delle quali non abbiamo bisogno.

Avventure che con i nostri 2.400 miliardi di debito pubblico sono chiaramente senza ritorno, mentre chi può tornare (e ci spera, eccome se ci spera!) sono i soliti noti percettori di antichi e imperdonabili privilegi, dai 345 parlamentari aggrappati al referendum per farsi un altro giro di 5 anni a spese nostre sulla giostra, ai concessionari autostradali (e non solo) e a chi sente il pericolo di perdere il giocattolo di uno Stato che per decenni ha permesso alla grande impresa si socializzare le perdite e privatizzare i guadagni.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua