L'Editoriale

Ai ballottaggi è tutto un altro film

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Avete visto bene il primo turno delle amministrative? Perfetto, ma ora ai ballottaggi dimenticate tutto perché il secondo turno è una partita completamente diversa. Il dato politico è chiaro: l’Italia che è stata in luna di miele con Renzi sta preparando le carte bollate per il divorzio.

E dopo aver mancato il ballottaggio a Napoli, visto il Centrodestra pareggiare a Milano e soprattutto i Cinque Stelle stravincere a Roma, ora pure il premier vede che azzardo sia stato trasformare il referendum sulla riforma costituzionale in un plebiscito pro o contro il suo Governo. Allo stesso tempo è lampante la fine della coalizione di Centrodestra, con Forza Italia scesa sotto il 5% nelle città dove è andata senza Lega e Fratelli d’Italia. Il guaio qui è che Salvini e Meloni ormai sono certi della strategia del Cavaliere di dividere il fronte solo per aiutare Renzi. Difficile perciò andare avanti con l’amico del giaguaro.

Al secondo turno così il Pd avrà qualche freccia in più al suo arco, a Milano come a Roma, dove il Cav annuncia scheda bianca ma il fronte moderato tenterà una strenua resistenza contro un voto di rottura che adesso sembra imbattibile.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA