Aiutiamo meglio i poveri

Lega, Forza Italia e Italia Viva con un blitz in Consiglio dei ministri hanno provato a bloccare il Reddito di cittadinanza.

Pensate che sarebbe successo ieri, ma di sicuro anche prima, se i 5 Stelle avessero deciso di star fuori dal governo. Oggi avrebbero più voti, perché dall’opposizione è facile abbaiare alla luna, ma destre e renziani (cioè la stessa cosa) avrebbero smontato l’unico strumento di protezione sociale che c’è nel Paese. Lega, Forza Italia e Italia Viva con un blitz in Consiglio dei ministri hanno provato a bloccare il Reddito di cittadinanza (leggi l’articolo), sbattendosene di oltre tre milioni di persone che attualmente ricevono questo aiuto, senza il quale farebbero la fame.

CHIUSURA CAMPAGNA ELETTORALE PER LE EUROPEE DEL M5S

Salvini e compari, che non andranno alla manifestazione di solidarietà alla Cgil devastata da No Pass e fascisti perché sarebbe un’iniziativa elettorale, si sono fatti uno spot per i ballottaggi ben maggiore intestandosi la presunta battaglia a un enorme spreco di denaro pubblico, mettendo a frutto la gigantesca disinformazione fatta da sempre sul Reddito di cittadinanza erogato a delinquenti e fannulloni. Un aspetto che è presente come in tutti i tipi di assistenza, anche se nessuno ha mai chiesto di non aiutare i non vedenti perché ci sono i falsi ciechi.

Dunque questo pilastro di civiltà va difeso, smontando le ragioni per cui invece di essere condiviso da tutti è molto spesso impopolare. Conclusa la prima fase di sperimentazione sappiamo cosa ha funzionato e cosa no, a cominciare dall’incapacità dei Centri per l’impiego di spingere il lavoro. Lo sforzo di farli funzionare, nonostante l’inserimento dei navigator, si è infranto sul disastro di questi uffici che non dipendono dallo Stato ma dalle Regioni, per non parlare di una resistenza culturale a usare questi canali per assumere personale.

Quindi nel caso di beneficiari oltre una certa età e senza altri mezzi di sostentamento il Reddito di cittadinanza non può essere in alcun modo modificato, e semmai va reso più facile accedervi, in modo da raggiungere una fascia di anziani indigenti che ne sono esclusi. Ma per i giovani o chi ha perso il lavoro questo sostegno non può durare per sempre, e dopo un periodo congruo, anche di un anno, va verificato e bloccato, costringendo così chi lo percepisce a darsi da fare per trovare un impiego e non aspettare che gli arrivi dal Cielo.