A che serve l’attacco al Viminale

La Destra, ora che Conte non è più premier e Speranza è stato reso demodé da Draghi, ha nel mirino la ministra Luciana Lamorgese.

Per fortuna che in Italia abbiamo una Sinistra che mai si scorda di che pasta è fatta, e ieri, in mezzo alla crisi afghana, con l’onorevole Pastorino (LeU) ha annunciato un’interrogazione parlamentare urgente per sapere dal governo come mai la Serie A di calcio su Dzan si veda una ciofeca.

LE SINDACHE D'ITALIA, VIAGGIO NELLA STORIA DELLE AMMINISTRATRICI ITALIANE

Questioni esistenziali, quanto quelle di una Destra che pure in mezzo alle emergenze senza qualcuno da randellare si annoia, e ora che Conte non è più premier e Speranza è stato reso demodé da Draghi, ha nel mirino la Lamorgese.

Come il blu che sta bene su tutto, il capo del Viminale sarebbe responsabile di qualunque tragedia: i migranti che sbarcano (come avviene da trent’anni), gli americani che hanno gestito a cavolo il disimpegno da Kabul (e ora ci dovremo prendere i profughi), fino ai rave party illegali, come lo sono d’altra parte in tutto il mondo.

La Lega però fa parte del governo, e la Meloni in tv può scaricare sulla ministra quanto fango vuole, ma poi tergiversa nel chiederne la sfiducia, perché Salvini farebbe un’altra figura di tolla nel non votarla, e questo non è proprio il regalo migliore mentre si cerca di ricucire in una federazione la vecchia alleanza e c’è da marciare uniti alle amministrative di ottobre.

Dunque le fibrillazioni da interviste e talk show sono solo una recita, buona per tenere caldi i tifosi, ma non c’è Green Pass o Lamorgese che possa mettere l’esecutivo minimamente in crisi. Perché a parte il prossimo Capo dello Stato e stare a galla tutto il resto è fuffa.