Autostrade, la revoca delle concessioni ora è dovuta

di Gaetano Pedullà

Alzi la mano chi si è sorpreso per l’arresto dell’ex amministratore delegato di Atlantia, la holding controllata dai Benetton che a sua volta controlla Autostrade per l’Italia. La nuova inchiesta riguarda le barriere fonoassorbenti (leggi l’articolo), ma è collegata alla vicenda del crollo del Ponte Morandi di Genova. Insomma, siamo là. Chi segue questo giornale dal primo numero – e sono passati 8 anni – ne ha lette di tutti i colori su un gruppo (ma è meglio dire su un sistema) che ha spremuto come un limone la concessione pubblica della grande rete viaria, intascando dividendi miliardari grazie a pedaggi tra i più cari d’Europa e a risparmi sempre maggiori sulle manutenzioni.

Una mangiatoia resa possibile dai contratti capestro approvati dai partiti di destra e di sinistra sin dai tempi della Prima Repubblica, e continuata malgrado le stragi del cavalcavia di Avellino e del capoluogo ligure. Di quel sistema Castellucci era il macchinista e il custode dei segreti, ma a parte il maxi stipendio e le stock option, non l’utilizzatore finale delle ricchezze destinate agli azionisti, a cominciare dalla famiglia di Ponzano Veneto che usava mostrarsi immacolata mentre a sporcarsi le mani erano i suoi manager, confermati senza far domande purché garantissero i proventi.

Ora, però, dalle intercettazioni telefoniche allegate all’ordine di arresto di Castellucci e altri (leggi l’articolo) sentiamo che i tagli alla sicurezza erano – a loro dire – noti all’azionista di controllo, e pertanto a poche settimane dal possibile acquisto di Autostrade per l’Italia da parte della Casa Depositi e Prestiti in tandem con alcuni fondi internazionali non si capisce più perché lo Stato non faccia marcia indietro e finalmente revochi per giusta causa – anzi, giustissima! – una concessione che gronda di sangue, dietro la quale si sono fatte per anni le peggiori porcherie, dal finanziamento alla politica attraverso donazioni alle fondazioni, alle perenni azioni di lobby per aumentare le tariffe ai caselli, fino alle manovre sulle banche (il governatore Toti si offre a Castellucci per fare da mediatore con Salvini e Giorgetti su Carige). Ma che altro deve servire per provare che tutto questo era uno schifo?

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Patrimoniale. Non vale la candela

Non c’era bisogno del Covid per vedere nella società italiana divisioni profonde, ma a leggere l’ultimo rapporto Censis, la pandemia ha fatto precipitare la situazione. I garantiti con lo stipendio fisso, possibilmente pubblico, e i pensionati, stanno molto meglio di Partite Iva e precari, magari in altri tempi pure benestanti grazie al lavoro nero. L’incertezza…

Continua

Un Dpcm che cerca l’equilibrio

Nel giorno in cui arriviamo a un passo dai mille morti per Covid arriva un Dpcm di Natale che bilancia lo spirito religioso della festa, con il desiderio delle famiglie di ricongiungersi, e la necessità di tenere alta la guardia contro la pandemia. Per chi continua a straparlare di mancanza di ragionevolezza, di dittatura sanitaria…

Continua

Regaliamo il buonsenso a Natale

Oggi il ministro Speranza ci dirà come e quando saranno distribuiti i vaccini: duecento milioni di dosi, per cominciare, che potrebbero non bastare se le Regioni torneranno a chiedere subito di riaprire tutto, comprese le piste da sci, i virologi ci convinceranno che il virus morto ad agosto e resuscitato a settembre stavolta è schiattato…

Continua

Casaleggio e le lobby senza freni

Doveva far cascare il mondo e invece lo scoop del secolo, anzi del millennio, è stato già derubricato al capitolo bufale. Un po’ troppo facile, anche in un Paese che ha meno memoria di un pesce rosso, e che ormai convive allegramente con i conflitti d’interessi, senza eccezione per l’informazione. Il presunto scandalo è quello…

Continua

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua