L'Editoriale

Caso Moretti, Finmeccanica non diventi una barzelletta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Mauro Moretti ha dimostrato di essere un abile manager. Alla guida di Ferrovie e Finmeccanica ha risanato e chiuso buoni bilanci. Come tutti i capo azienda ossessionati dai risultati, ha tagliato i servizi meno remunerativi – e i pendolari che viaggiano in treno sanno di che si parla – e la spesa per manutenzioni e sicurezza.

Una scelta che ha presentato il conto il 29 giugno del 2009 alla stazione di Viareggio, facendo una strage che non può essere affibbiata alla malasorte. Per questo Moretti è stato condannato a sette anni di reclusione in un processo dove ha avuto modo di presentare ogni prova a sua discolpa.

Ovviamente ci sarà l’appello e fino a quel giudizio, se non alla Cassazione, il manager è da considerarsi innocente. Dopo la sentenza però lo Stato non può far finta di nulla disconoscendo che questo signore è ritenuto responsabile della morte di 32 persone. Lasciarlo alla guida di una delle maggiori aziende a partecipazione pubblica del Paese non è perciò solo un insulto ai familiari delle vittime, ma anche una mazzata a Finmeccanica, destinata a diventare famosa nel mondo per essere guidata da un condannato per strage.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA