Che fine hanno fatto i 6 miliardi del Mose? Una parte è stata sprecata e l’altra direttamente rubata

di Gaetano Pedullà

Il governatore Luca Zaia è furente perché non ha idea di dove siano i sei miliardi spesi per il Mose. Forse è andato in Regione quanto Matteo Salvini al Viminale per non sapere che una parte di quei soldi è stata sprecata e l’altra direttamente rubata. Di tutto questo ovviamente non è solo colpa della Lega e del Centrodestra che da decenni governano con grande apprezzamento popolare il Veneto.

Il Mose, l’avveniristico sistema per non fare affondare Venezia, è stato spinto dalla politica di tutti i colori, dal Pd a Forza Italia e al Carroccio, così come secondo le indagini si arrivò a usare proprio i colori per distinguere una dall’altra le numerosissime tangenti versate per l’opera. Su quei fatti, il doge degli anni d’oro di Berlusconi premier, Giancarlo Galan, è stato condannato per corruzione e di tanto in tanto nelle cronache leggiamo di qualche milione che salta fuori all’estero o nelle proprietà accaparrate a quei tempi.

Senza mettere oltre il dito nella piaga, o immaginare di cosa avrebbe straparlato la propaganda leghista se il sindaco di Venezia fosse stato Virginia Raggi, la città sommersa come mai nella sua storia ci riporta al valore della legalità e del rispetto del denaro pubblico. Ieri su questo giornale segnalavamo che solo in Lombardia la Lega conta 52 esponenti con guai giudiziari, e non teniamo più il conto su quelli di Forza Italia.

Nonostante sia chiaro che i soldi fatti sparire dalla corruzione sono sottratti alle opere, e quindi a tutti noi, la questione morale è un tema che interessa poco gli elettori del Centrodestra, che paradossalmente a ogni scandalo aumentano. Anzi, solo a porre il tema, lo zoccolo duro della Lega prima nega l’evidenza e poi fa spallucce perché nulla è più importante di mandare a casa i Cinque Stelle e le sinistre, gente che ha in testa solo “tasse, manette e sbarchi”, come ripete incessantemente la retorica salviniana.

Campagna elettorale a parte, quello che fa la differenza tra fare sul serio i nostri interessi e lasciarsi invece trascinare in una fideistica tifoseria politica sta nel pretendere rispetto per la cosa pubblica, cioè anche del nostro denaro, sottraendolo a chi ha rubato ieri, oggi e non si capisce perché non dovrebbe continuare a fare lo stesso anche domani.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Sul pallone è autogol delle Regioni

Ma sì, aprano gli stadi così come in estate hanno aperto le discoteche. I governatori più pazzi del mondo hanno capito tutto: più sono protagonisti più diventano popolari, e pazienza se per accontentare la lobby del pallone rischiamo di rimontare Francia e Spagna nel campionato dei contagi. Tanto, qualunque fesseria decidano, le Regioni vincono sempre.…

Continua

Una speranza chiamata Movimento

Con l’avvicinarsi della manovra è ripartita la caccia al Reddito di cittadinanza. Niente di nuovo per i nemici di sempre – destra, associazioni industriali e giornali al guinzaglio – ma adesso a questo coro stonato si aggiungono esponenti di sinistra, come il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, che rianimati dal risultato delle Regionali vogliono riscrivere…

Continua

Linciaggio continuo contro i Cinque Stelle

Archiviati i risultati di Referendum e Regionali, a destra hanno capito tutti tranne Salvini che il problema è proprio il Capitano. Meloni e Berlusconi lo accusano di non aver sostenuto a dovere i loro candidati (perdenti) in Puglia e Campania, e lui ricambia prenotando per la Lega i sindaci di Roma e Milano. A partire…

Continua

Tre lezioni che arrivano dalle urne

Cronache dalle urne. 1) Gli italiani hanno tanta fame di riforme da non farsi più fregare dagli opportunisti di destra e sinistra, con i poteri forti e i loro giornaloni schierati platealmente contro il taglio dei parlamentari. Il Movimento Cinque Stelle ci ha creduto fino in fondo, e a differenze di chi promette dai tempi…

Continua

Dal Recovery Fund a Dublino. La svolta della von der Leyen porta la firma dei 5 Stelle

L’Italia canta vittoria in Europa. Anche i partiti più euroscettici e sovranisti devono ammettere che l’epoca dell’austerità e delle spallucce di Juncker è dimenticata, e con la presidenza della von der Leyen il nostro Paese ha un ascolto mai visto prima. Dal superamento del regolamento di Dublino che ci ha ridotto a campo di accoglienza…

Continua

Tenetevi pure gli statisti di una volta

Ah quanto erano bravi i politici di una volta! Quelli sì che erano statisti, mica gli scappati di casa che stanno oggi al governo. Certo, i campioni della Prima Repubblica, da Andreotti a Craxi, ci hanno lasciato un Paese scassato e con un debito pubblico da paura, per non dimenticare – se non andiamo a…

Continua

Una destra negazionista per natura

Negazionista per natura. L’involuzione della destra italiana, da storica area culturale e politica alla compagnia di avanspettacolo del trio Salvini, Meloni e Covid Berlusconi ha aggiunto un nuovo carattere biologico ai suoi sostenitori, diventati bastian contrario a prescindere. La pandemia è pericolosa? Ma no, muore poca gente e le mascherine non servono a niente. Con…

Continua

Meloni & C. vogliono le poltrone

Capiamo i leader della vecchia politica e quelli che il blog di Grillo chiama i dinosauri (del Palazzo), signori a cui nemmeno passa per la testa di segare l’albero sul quale stanno seduti da decenni o sognano di riprendersi uno strapuntino. Un ceto politico che perlomeno ci ha messo la faccia – seppure di bronzo…

Continua

Il Capitano scaricato dal Carroccio

Nelle messe cantate di Porro e Del Debbio sugli straordinari meriti del Centrodestra e della Lega non se n’è mai parlato, e meno che meno nelle sacre scritture di Belpietro e Sallusti perennemente contro Conte e i 5 Stelle, ma sul fronte dell’opposizione è in arrivo l’Apocalisse. Per il Covid e per ovvi motivi anagrafici…

Continua

Sulla scuola un caos criminale

L’inizio della scuola è da sempre un Far West. Proteste, insegnanti che mancano, studenti che non si sa dove mettere. Politica e sindacati ci sguazzano, ma poi la campanella suona e si pensa a studiare. Un diritto che quest’anno si sta mettendo in pericolo con l’antologia più aggiornata delle brutte lezioni. Gestire il rientro in…

Continua