Dio ci salvi da Draghi premier

di Gaetano Pedullà

Tanto vale farlo santo subito. Mario Draghi, l’uomo della provvidenza, quello che ha salvato l’euro e le cui parole sono Vangelo – sempre sia lodato dal sacro testo Financial Times – è il sogno a occhi aperti di veri e presunti poteri forti, dei giornaloni e di una destra disposta pure a rinnegare se stessa pur di tornare al governo. Volete mettere la sua autorevolezza a confronto con quella di Giuseppi? Draghi si dà del tu con i potenti della terra, come il nostro premier, ma se parla Mario tutti ci vogliono più bene. Chissà perché. Dunque facciamo una crisi in piena emergenza Coronavirus, nominiamolo senatore a vita così che non sia da meno dell’altro salvatore della Patria, Mario Monti, e poi affidiamogli Palazzo Chigi. Qui al primo consiglio dei ministri, con dentro da Salvini a Renzi e alla Meloni come atto iniziale ci guarirà dal Coronavirus, e a seguire ci darà più soldi per tutti, più lavoro per tutti, più fidanzate per tutti… ah, no, questo era nel programma di Berlusconi.

Torniamo seri allora e osserviamo con la giusta desolazione quanto sia povero l’attuale Centrodestra e rassegnato l’establishment economico e finanziario, il primo perché non ha altro fine che terminare la traversata del deserto come opposizione a cui l’ha condannato il Capitano nei giorni alcolici del Papeete, gli altri perché quando si è deboli la strada più facile è affidarsi agli uomini forti. E l’ex presidente italiano della Banca centrale europea forte lo è senz’altro. Seppure in ritardo rispetto agli americani, alla guida dell’istituzione di Francoforte riuscì a imporsi ai falchi del rigore monetario, espressione degli stessi Paesi che ancora ieri hanno alzato le barricate contro l’utilizzo di strumenti finanziari comuni, come i Covid-bond proposti dall’Italia, per affrontare i costi economici della pandemia.

Draghi, che i bene informati dicono essere ancora indisponibile a ricoprire un ruolo politico, se non giusto quello di Capo dello Stato (bontà sua!) quando finirà il mandato di Mattarella, ha entusiasmato tutti dicendo un’autentica supercazzola. Dobbiamo dare respiro all’economia – è l’estrema sintesi – e per farlo possiamo fare nuovo debito. Bravo, bravissimo, però l’idea non è proprio nuova di zecca, e i diritti d’autore sono di proprietà di un esercito di economisti, opinionisti di ogni colore e persino di quegli incompetenti dei Cinque Stelle, che sostengono questa posizione da sempre, indicando nelle politiche espansive la strada maestra per ridurre le diseguaglianze (vedi il Reddito di cittadinanza), rafforzare il servizio sanitario pubblico (contro la mangiatoia dei privati che in Lombardia stiamo vedendo quanto hanno fatto bene), sostenere l’occupazione anche con l’intervento dello Stato (Ilva, Alitalia, Popolare di Bari, ecc.) pur di non lasciare indietro nessuno.

Ecco, adesso a chiedere gli stessi soldi a palate è Draghi, che però si guarda bene dal dire dove poi destinarli, anche se è facile immaginare il motivo di tanta tifoseria da parte di banchieri e industriali. Così non si parla più d’altro. Conte va cacciato, e con lui i Cinque Stelle, che tanto il Pd e Renzi con Mario nostro ci vanno a nozze. Quello che però non si dice, anche perché al sistema di potere che conta interessa poco, è che governare non significa solo avere un’idea sull’economia, peraltro – come abbiamo appena visto – in parte identica tra Conte e Draghi, ma avere anche ideali, sensibilità, priorità, capacità, rispetto ai quali (a guardare praticamente tutti i sondaggi disponibili) la maggioranza degli italiani è in sintonia con Conte. Certo, una catastrofe come quella contro cui stiamo combattendo è dura da digerire, ma questo premier ha dimostrato equilibrio nelle decisioni, affidandosi agli scienziati e non alle segreterie politiche, senza guardare in faccia nessuno, neppure il Movimento che l’ha portato a Palazzo Chigi, orientandosi come meglio era possibile verso l’unico obiettivo del bene comune.

In questo sforzo ha fatto anche qualche errore, ma se non volete sentirvi male non pensate a come sarebbe andata se a dirigere il traffico avessimo avuto Salvini che un giorno apriva e un altro chiudeva le birrerie, Bagnai che invece di concordare con l’Europa un extradeficit ad oggi già vicino ai 75 miliardi di euro prometteva centinaia e centinaia di miliardi aggiungendo così alla crisi economica anche l’esplosione dello spread e la speculazione dei mercati. E che dire della Meloni, improbabile crocerossina sugli incrociatori destinati al blocco navale dei migranti (hai visto mai che non si ammalano perché portano il virus) o di Gasparri, Gelmini, Brunetta e tutti i vecchi arnesi della politica italiana seduti nei ministeri, con in tasca il santino di Bertolaso che “risolve problemi” come e più del Mr. Wolf di Pulp Fiction. Ecco cari lettori, questo è il film, o meglio la tragedia, che abbiamo schivato e che potremmo rivedere con il sequel di Monti premier, stavolta con la faccia di Draghi. Uno spettacolo che le recensioni su molti giornali ci descrivono bellissimo, ma che in realtà è una cagata pazzesca.

 

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La destra più vigliacca di sempre

Gli appassionati del nostro sempre più imbarazzante regionalismo si segnino che ieri a Reggio Calabria è crollato il tetto del Consiglio regionale mentre in Puglia si sono schiantati decenni di battaglie per la parità di genere, con il Governo Conte costretto a nominare un prefetto per dare alle donne una vera chance di successo alle…

Continua

La condanna di Matteo c’è già stata

Se quella sui camici di Fontana è un’inchiesta a orologeria, ovviamente l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è un processo politico. Dicono così dalle parti della destra più becera e meno legalitaria del mondo, trascinata da quasi tre decenni di berlusconismo nella più smaccata insofferenza verso tutto ciò che ha a che fare con la…

Continua

I renziani affamati di poltrone

Chissà chi sta messo peggio tra i due Matteo, uno che oggi rischia di finire sotto processo per la vicenda Open Arms e l’altro che ormai stabile nei sondaggi sotto al 5% comincia a non governare più la sua truppa. Proprio per questo motivo ieri al Senato è saltato l’accordo politico sulle presidenze delle commissioni…

Continua

La dittatura sanitaria e altre bugie

Con la credibilità di chi prima voleva tutto aperto, poi tutto chiuso, adesso tutti in giro senza mascherina perché il Covid è finito, ma a patto che non si tratti di migranti perché spargono il Covid (ma non era finito?), ieri Matteo Salvini ha fatto in Senato un altro show, dopo il delirante convegno negazionista…

Continua

Un comitato scientifico da paura

Se vi hanno appassionato le giravolte dei virologi, il nuovo comitato tecnico scientifico presieduto da Salvini, Sgarbi e Bocelli vi entusiasmerà ancora di più. I luminari, notoriamente esperti di virus e pestilenze, ieri ci hanno informato che ancora oggi milioni di persone fanno finta di contagiarsi nel mondo, perché prendersi il Covid deve essere diventato…

Continua

Manca Totò alla tavola dei Fondi Ue

La pappa non è ancora arrivata ma un sacco di gente si è già seduta a tavola. E vista la fame di questi tempi, il finale di Miseria e nobiltà, con Totò che si infila in tasca gli spaghetti, sarà nulla a confronto. Parliamo del Recovery Fund, la montagna di miliardi che il premier Giuseppe…

Continua

Recovery festival delle bugie

Non ne azzeccano una neanche per sbaglio, ma più sono smentiti dai fatti più girovagano per le tv a confondere le acque su quello che è appena successo in Europa. La quasi totalità dei giornalisti fissi nei talk show anziché chiedere scusa per aver sballato tutte le previsioni sul Recovery Fund, da ieri ci spiegano…

Continua

Aspettando gli aiuti di Paragone

Tra i fenomeni da circo della politica italiana quest’estate va di moda il numero della testa nella bocca del leone. La capoccia ovviamente non è quella di Lorsignori ma la nostra, che secondo mezzo Pd e i soliti Renzi, Calenda e Berlusconi (sempre più anime di uno stesso partito) dovremmo  infilare nella tagliola del Mes,…

Continua

A Bruxelles vincono gli egoismi

Mentre un esercito di volpi della politica italiana, anche nel Governo, non risparmia critiche a Conte e ai Cinque Stelle perché si ostinano prudentemente a non chiedere i soldi del Mes, l’Europa getta la maschera, rivelando di essere a malapena un’Unione mercantile, perennemente a corto di valori come la solidarietà tra Stati o la condivisione…

Continua

A Virgì scordamoce sti scribani

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di…

Continua