È ora di smontare il paradiso fiscale degli olandesi

di Gaetano Pedullà

A furia di raccontarla, questa storia dell’Italia che può fare a meno dell’Europa rischia di diventare realtà. Ieri in una nuova intervista a un giornale non a caso tedesco, il premier Giuseppe Conte ha lanciato l’ultimo avvertimento. Se le trattative per condividere i danni economici del Coronavirus non usciranno dallo stallo, non saremo davanti a un semplice incidente di percorso, ma avremo la prova provata di quanto l’Unione europea sia ormai a corto di solidarietà e di futuro. A differenza dei partiti sovranisti, che pur di acchiappare voti scaricano ogni nefandezza su Bruxelles, anche le colpe che non ha, il nostro Presidente del Consiglio e le forze della maggioranza su cui si sorregge hanno dato giganteschi segnali di apertura e disponibilità al dialogo, purché su basi diverse da quelle dell’austerità imposte nel passato.

Un’Europa che sa affrontare compatta i problemi ha una forza di cui abbiamo tutti bisogno. Ma se invece di un aiuto, ci tocca essere messi in castigo dall’Olanda, cioè l’ultimo dei Paesi che può parlare, allora tanto vale cominciare a pensare a qualcos’altro e prendere atto che il grande progetto europeo è destinato presto o tardi a fallire. Gli inglesi, d’altra parte, se ne sono già andati, e se non c’è dubbio che i fan di Salvini e Meloni vaneggiano quando parlano con faciloneria di Italexit, è anche vero che la situazione attuale ci permette solo di comprare tempo, mentre attorno al collo ci stringono il nodo del debito. Siamo in una trappola, insomma.

Un classico caso in cui la cosa più stupida da fare è spingerci dentro ancora più in profondità, magari abboccando all’esca del Mes, cioè l’anticamera del passaggio di proprietà del nostro Paese. Così il capo del Governo, un signore che i giornali di destra sfottono chiamandolo Giuseppi per rimarcare una sua (mai vista) elasticità di fronte a Trump, e per estensione alle grandi cancellerie, si trova a un bivio che non avrebbe immaginato: dopo aver sempre cercato un punto di mediazione, rischia di diventare l’uomo della clamorosa rottura con i partner europei, e dell’apertura di una strada nuova e senza ritorno, dove gli Stati risolvono anche i problemi più gravi spezzando le catene delle regole comuni. In questo modo ci esporremo al costo di un maggiore fabbisogno pubblico senza lo scudo degli Eurobond (e questo ci costerà caro), ma a tal punto potremo smetterla di far finta di niente mentre i cari alleati ci bastonano nelle parti basse, magari adottando sconti fiscali con cui ci scippano le imprese.

LA GRANDE FUGA. Proprio su questo – specialità della casa per gli olandesi – siamo rimasti inermi malgrado gruppi industriali rilevantissimi abbiano fatto i bagagli dall’Italia per Amsterdam. Si tratta, per capirci, dell’ex Fiat, di Fininvest, di Cementir (Gruppo Caltagirone), di Campari, e l’elenco sarebbe lungo, senza contare persino le maggiori partecipate dello Stato che hanno consociate con sede legale nei Paesi bassi. Tutte aziende che gli ultimi governi hanno visto cominciare a espatriare senza neppure provare a mettere un argine, in ossequio alla libera circolazione delle attività economiche pur in assenza di regole fiscali comuni. Un errore gravissimo, anche perché una volta fatta la moneta comune, armonizzare i sistemi tributari era la cosa più urgente da far seguire per non avvantaggiare qualcuno e svantaggiare qualcun altro.

Di tutto questo però non si è visto niente, se non generici impegni mai concretizzati. L’Italia, perennemente debole ai tavoli negoziali per via del nostro stare sempre col cappello in mano a chiedere deroghe sul deficit, non ha mai alzato la voce o fatto problemi. Se adesso però il gioco si rompe, c’è da attendersi tutta un’altra musica. E non è detto che alla fine delle danze di questa Europa egoista e mercantile resti qualcosa.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La destra più vigliacca di sempre

Gli appassionati del nostro sempre più imbarazzante regionalismo si segnino che ieri a Reggio Calabria è crollato il tetto del Consiglio regionale mentre in Puglia si sono schiantati decenni di battaglie per la parità di genere, con il Governo Conte costretto a nominare un prefetto per dare alle donne una vera chance di successo alle…

Continua

La condanna di Matteo c’è già stata

Se quella sui camici di Fontana è un’inchiesta a orologeria, ovviamente l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è un processo politico. Dicono così dalle parti della destra più becera e meno legalitaria del mondo, trascinata da quasi tre decenni di berlusconismo nella più smaccata insofferenza verso tutto ciò che ha a che fare con la…

Continua

I renziani affamati di poltrone

Chissà chi sta messo peggio tra i due Matteo, uno che oggi rischia di finire sotto processo per la vicenda Open Arms e l’altro che ormai stabile nei sondaggi sotto al 5% comincia a non governare più la sua truppa. Proprio per questo motivo ieri al Senato è saltato l’accordo politico sulle presidenze delle commissioni…

Continua

La dittatura sanitaria e altre bugie

Con la credibilità di chi prima voleva tutto aperto, poi tutto chiuso, adesso tutti in giro senza mascherina perché il Covid è finito, ma a patto che non si tratti di migranti perché spargono il Covid (ma non era finito?), ieri Matteo Salvini ha fatto in Senato un altro show, dopo il delirante convegno negazionista…

Continua

Un comitato scientifico da paura

Se vi hanno appassionato le giravolte dei virologi, il nuovo comitato tecnico scientifico presieduto da Salvini, Sgarbi e Bocelli vi entusiasmerà ancora di più. I luminari, notoriamente esperti di virus e pestilenze, ieri ci hanno informato che ancora oggi milioni di persone fanno finta di contagiarsi nel mondo, perché prendersi il Covid deve essere diventato…

Continua

Manca Totò alla tavola dei Fondi Ue

La pappa non è ancora arrivata ma un sacco di gente si è già seduta a tavola. E vista la fame di questi tempi, il finale di Miseria e nobiltà, con Totò che si infila in tasca gli spaghetti, sarà nulla a confronto. Parliamo del Recovery Fund, la montagna di miliardi che il premier Giuseppe…

Continua

Recovery festival delle bugie

Non ne azzeccano una neanche per sbaglio, ma più sono smentiti dai fatti più girovagano per le tv a confondere le acque su quello che è appena successo in Europa. La quasi totalità dei giornalisti fissi nei talk show anziché chiedere scusa per aver sballato tutte le previsioni sul Recovery Fund, da ieri ci spiegano…

Continua

Aspettando gli aiuti di Paragone

Tra i fenomeni da circo della politica italiana quest’estate va di moda il numero della testa nella bocca del leone. La capoccia ovviamente non è quella di Lorsignori ma la nostra, che secondo mezzo Pd e i soliti Renzi, Calenda e Berlusconi (sempre più anime di uno stesso partito) dovremmo  infilare nella tagliola del Mes,…

Continua

A Bruxelles vincono gli egoismi

Mentre un esercito di volpi della politica italiana, anche nel Governo, non risparmia critiche a Conte e ai Cinque Stelle perché si ostinano prudentemente a non chiedere i soldi del Mes, l’Europa getta la maschera, rivelando di essere a malapena un’Unione mercantile, perennemente a corto di valori come la solidarietà tra Stati o la condivisione…

Continua

A Virgì scordamoce sti scribani

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di…

Continua