L'Editoriale

Ecco perché gli hooligan ci amano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Dobbiamo resistere ai terroristi islamici, ci facciamo devastare da quattro ubriaconi olandesi. Benvenuti a Roma, la Disneyland dei teppisti del pianeta. Solo qui può accadere che le partite di calcio diventino campi di battaglia. A giugno scorso c’era scappato il morto, prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli. Ma nella Capitale ogni derby è un incubo per l’ordine pubblico. E se poi ci si mettono pure gli hooligan siamo fritti. Tra fumogeni, cariche di polizia, negozi chiusi e turisti terrorizzati, ieri qualche decina di sedicenti tifosi ha danneggiato persino la barcaccia del Bernini appena restaurata. In qualunque parte del mondo, la città minacciata e le sue forze dell’ordine avrebbero fatto quadrato, prendendo questi signori uno a uno e mettendoli nelle condizioni di non nuocere. In Italia invece la mobilitazione non è scattata per fermare i barbari, ma per bastonarsi a vicenda sindaco e prefetto, partiti di opposizione e Governo, Comune e Questura. Tutti a rimpallarsi accuse e responsabilità mentre gli ultrà distruggevano altri autobus sotto gli occhi di una polizia che chissà per quale motivo deve lasciarli fare. Così è naturale che gli hooligan ci amino.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA