L'Editoriale

Attenti ai falsi amici dei poveri

Reddito di Cittadinanza Berlusconi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

D’accordo: chi si loda s’imbroda, ma ora che le voci più insospettabili decantano i pregi del Reddito di cittadinanza lasciatemi godere per tutte quelle battaglie nei talk show televisivi in cui mi ritrovavo sempre solo contro il mondo nel sostenere questo strumento di civiltà, prima ancora che di welfare.

Una posizione non facile, perché la propaganda dei partiti, travestita da informazione, da più di due anni martella l’opinione pubblica enfatizzando gli abusi, innegabili e vergognosi, ma di numero niente affatto superiore rispetto ad altre truffe ai danni dello Stato, facendo credere che a rubare siano molto di più i poveri piuttosto che i grandi evasori fiscali, i falsi invalidi, i truffatori dei sussidi alle attività produttive, gli sfruttatori arricchiti dal lavoro nero, e molto altro ancora.

Certo, la misura non ha fatto trovare a milioni di disoccupati il lavoro che non c’era, soprattutto durante la pandemia, e alcune migliorie sono senz’altro necessarie, ma l’impianto non può essere messo in discussione, perché un Paese che abbandona in povertà milioni di persone, in gran parte minorenni e anziani, non ha titolo per definirsi evoluto.

Dunque prendiamo atto ma non lasciamoci ingannare dai complimenti fatti al Reddito di cittadinanza in ultimo da Berlusconi (leggi l’articolo) e diversi altri esponenti di Forza Italia, dopo la conversione del Pd (ma solo dopo la nascita del governo giallorosso) e di altri ex feroci contestatori, in quanto sono proprio queste forze politiche che hanno fatto per decenni la fortuna dei soliti noti – a partire da Confindustria e lobby al seguito – e dimenticato i poveri, tagliando i servizi sociali, la sanità, le pensioni e qualunque forma di assistenza per chi restava indietro.

Una scelta di campo che oggi fa comodo rinnegare per cercare consensi tra i Cinque Stelle – gli unici ad aver fatto qualcosa di concreto per chi è costretto a digiunare a pranzo e far la dieta a cena – in vista di passaggi cruciali come le elezioni per il Quirinale. Diversamente, dopo averli ignorati per decenni, sai che gli frega a Silvio & company del destino della povera gente.

Gli ultimi editoriali

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »

La politica imbullonata a Telecom

Le grandi economie europee possono ancora definirsi liberali? Già prima del Covid la situazione era disperata. Gli interessi nazionali avevano creato una situazione asimmetrica, con

Continua »