L'Editoriale

Far saltare qualche testa non basta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Alemanno si sospende dagli incarichi in Fratelli d’Italia, Renzi commissaria il Pd romano. I Cinque Stelle ricordando al prefetto che per molto meno si sono sciolti non pochi Comuni e chiedono di azzerare il Campidoglio per mafia. I partiti non hanno perso tempo a mischiare le carte dopo il terremoto che ha scoperchiato il sistema di potere dove politici, affaristi e faccendieri si spartivano la città. Voltare pagina sul serio non significa però mandare a casa la vecchia guardia dei Bettini o scaricare su Alemanno tutte le responsabilità di manager indecorosi e inconcludenti. Così come non ci restituirà niente sputtanare Roma e l’Italia nel mondo facendo sciogliere il governo della Capitale con l’accusa dell’associazione mafiosa. Se c’è una lezione che ricaviamo dalla grande inchiesta sulla corruzione a Roma, questa ci dice che i partiti hanno importanti responsabilità ma la vera metastasi sta nel sottobosco, in quel conglomerato di interessi che si è fatto casta, arrivando al punto di condizionare persino i leader politici. Far saltare qualche testa dunque non basta. La pulizia dovrà essere più profonda. O tolta una cupola molto presto ce ne ritroveremo un’altra.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA