L'Editoriale

Il calcio non manchi un bel gol

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Ma dateci almeno panem et circenses! Nell’antica Roma si faceva così per consolare la plebe. E ora che siamo tutti terrorizzati dal Coronavirus e dagli effetti devastanti sull’economia, trasmettere in chiaro le partite di pallone non è solo un gesto di generosità. I contratti televisivi, le norme e la burocrazia invocati da chi fino a ieri si è opposto, sono pretesti sconsiderati. Il calcio è lo sport nazionale malgrado il business ne abbia comprato in parte la poesia, e se perdere i diritti di qualche giornata costerà qualcosa, rafforzare il legame con le tifoserie e tutto il pubblico sportivo pagherà nel tempo molto di più. Vedremo se i dirigenti della Federcalcio (nella foto il presidente Gabriele Gravina) e i club capiranno, aiutando milioni di persone a capire sul serio che qualcosa intorno a noi sta cambiando. Le regole di maggiore accortezza nell’evitare contatti tra le persone sono molto dibattute ma poco applicate. Gli studenti non vanno a scuola ma si vedono in locali persino più affollati la sera, salutarsi con la stretta di mano è un gesto condizionato, tenere una certa distanza tra le persone spesso è un’illusione. Insomma, l’epidemia fa paura a tutti, ma ancora pochi sono disposti a cambiare stile di vita. Certo, Dalla canterebbe che “si esce poco la sera, compreso quando è festa”, e di sicuro non si va nei ristoranti che per paradosso fanno la fame, ma sembriamo tutti immersi in una bolla, sperando che faccia caldo o per chissà quale miracolo questo incubo finisca. Il calcio non faccia finta di niente, e non manchi questo gol a porta vuota, regalandoci per qualche settimana almeno la consolazione delle partite.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA