Il lavoro cambia musica. Il virus avvisa i sindacati: il loro mondo è finito

di Gaetano Pedullà

Con le vittime e i danni che ha fatto può sembrare blasfemo doverne riconoscere i meriti, ma la pandemia ha anche cambiato molte cose in meglio: dalla consapevolezza di quanto si sia sacrificata la sanità pubblica sino alla diffusione del lavoro a distanza dagli uffici. Rivoluzioni rimaste da anni eterne promesse, come lo smart working, sono diventate la norma per milioni di imprese e di professionisti, costretti a superare la pigrizia e ad affacciarsi su questo mondo nuovo. Un salto che una volta riuscito poi non rende facile tornare indietro, e dunque anche alla fine del lockdown continueremo ad acquistare in modo più massiccio online, a farci portare da mangiare col delivery e a lavorare molto di più da casa.

Proprio il lavoro è il mondo che il virus ha cambiato più radicalmente, e questo la dice lunga di quanto fossimo cristallizzati in un sistema post-industriale protetto da contratti, mansioni, abitudini e resistenze nel modificare i modelli organizzativi. Una trasformazione che domani si mostrerà in maniera plastica nel più tradizionale degli appuntamenti con la festa del Primo Maggio: il concerto di Piazza San Giovanni, a Roma. Da molti anni questo evento è il simbolo di una retorica sindacale costretta a intrufolarsi tra la musica per parlare a un pubblico che il lavoro fatica a trovarlo, quando addirittura non l’ha visto mai. Pur con artisti e conduttori diversi, temi antichi e d’attualità, il concertone nel suo format di fondo è rimasto però sempre identico: stessa spiaggia (la location) e stesso mare (i refrain sui diritti, sicurezza e legalità). Nulla di sostanzialmente nuovo, insomma, a testimonianza di un mondo che non ha saputo evolversi e modernizzarsi, se non in modo parziale e sui grandi numeri solo potenziale.

Nell’anno del Covid, con le restrizioni sul distanziamento sociale, il concertone si svolgerà con logiche completamente nuove. Mancherà il senso di comunità che dà la piazza, ma gli artisti coinvolti si misureranno con collegamenti in digitale, proprio come i lavoratori di cento professioni, della scuola, delle banche, dello shopping e quant’altro stanno facendo da mesi. I cantanti si esibiranno da diverse parti d’Italia, annullando le distanze e offrendo performance inedite, immersi in un pubblico in mezzo al quale non possono cantare. La recente maratona musicale promossa da Lady Gaga, “One world, together at home”, ha dimostrato che si può trasmettere un messaggio potente (ha raccolto milioni di spettatori e 127 milioni di dollari per beneficienza) ricorrendo alla musica e alla rete, integrata con le radio e le televisioni.

Si sperimenta, insomma, e si cercano strade nuove di cui c’è bisogno, anche se le rendite di posizione rifiutano il cambiamento. Modelli classici – la fabbrica, l’ufficio, il negozio, il centro commerciale – regolati da figure tipiche – il padrone, il manager e il dipendente – hanno fatto comodo a chi si è assicurato un avvenire nelle organizzazioni di rappresentanza (il sindacato dei lavoratori, ma anche quelli datoriali non fanno molta differenza) senza costringerli a misurarsi col cambiamento. E pazienza se la base fuggiva e oggi, per dire, i confederali Cgil, Cisl e Uil hanno tra i loro iscritti più pensionati che lavorativi attivi. Ci voleva allora il virus per costringere anche i sindacati a guardare il nuovo mondo del lavoro togliendosi di dosso gli occhiali del passato. E prendere atto che serve tutto un altro approccio. Come il concerto di domani, nella sua originalità, mostra chiaramente.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La destra più vigliacca di sempre

Gli appassionati del nostro sempre più imbarazzante regionalismo si segnino che ieri a Reggio Calabria è crollato il tetto del Consiglio regionale mentre in Puglia si sono schiantati decenni di battaglie per la parità di genere, con il Governo Conte costretto a nominare un prefetto per dare alle donne una vera chance di successo alle…

Continua

La condanna di Matteo c’è già stata

Se quella sui camici di Fontana è un’inchiesta a orologeria, ovviamente l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è un processo politico. Dicono così dalle parti della destra più becera e meno legalitaria del mondo, trascinata da quasi tre decenni di berlusconismo nella più smaccata insofferenza verso tutto ciò che ha a che fare con la…

Continua

I renziani affamati di poltrone

Chissà chi sta messo peggio tra i due Matteo, uno che oggi rischia di finire sotto processo per la vicenda Open Arms e l’altro che ormai stabile nei sondaggi sotto al 5% comincia a non governare più la sua truppa. Proprio per questo motivo ieri al Senato è saltato l’accordo politico sulle presidenze delle commissioni…

Continua

La dittatura sanitaria e altre bugie

Con la credibilità di chi prima voleva tutto aperto, poi tutto chiuso, adesso tutti in giro senza mascherina perché il Covid è finito, ma a patto che non si tratti di migranti perché spargono il Covid (ma non era finito?), ieri Matteo Salvini ha fatto in Senato un altro show, dopo il delirante convegno negazionista…

Continua

Un comitato scientifico da paura

Se vi hanno appassionato le giravolte dei virologi, il nuovo comitato tecnico scientifico presieduto da Salvini, Sgarbi e Bocelli vi entusiasmerà ancora di più. I luminari, notoriamente esperti di virus e pestilenze, ieri ci hanno informato che ancora oggi milioni di persone fanno finta di contagiarsi nel mondo, perché prendersi il Covid deve essere diventato…

Continua

Manca Totò alla tavola dei Fondi Ue

La pappa non è ancora arrivata ma un sacco di gente si è già seduta a tavola. E vista la fame di questi tempi, il finale di Miseria e nobiltà, con Totò che si infila in tasca gli spaghetti, sarà nulla a confronto. Parliamo del Recovery Fund, la montagna di miliardi che il premier Giuseppe…

Continua

Recovery festival delle bugie

Non ne azzeccano una neanche per sbaglio, ma più sono smentiti dai fatti più girovagano per le tv a confondere le acque su quello che è appena successo in Europa. La quasi totalità dei giornalisti fissi nei talk show anziché chiedere scusa per aver sballato tutte le previsioni sul Recovery Fund, da ieri ci spiegano…

Continua

Aspettando gli aiuti di Paragone

Tra i fenomeni da circo della politica italiana quest’estate va di moda il numero della testa nella bocca del leone. La capoccia ovviamente non è quella di Lorsignori ma la nostra, che secondo mezzo Pd e i soliti Renzi, Calenda e Berlusconi (sempre più anime di uno stesso partito) dovremmo  infilare nella tagliola del Mes,…

Continua

A Bruxelles vincono gli egoismi

Mentre un esercito di volpi della politica italiana, anche nel Governo, non risparmia critiche a Conte e ai Cinque Stelle perché si ostinano prudentemente a non chiedere i soldi del Mes, l’Europa getta la maschera, rivelando di essere a malapena un’Unione mercantile, perennemente a corto di valori come la solidarietà tra Stati o la condivisione…

Continua

A Virgì scordamoce sti scribani

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di…

Continua