Il lavoro cambia musica. Il virus avvisa i sindacati: il loro mondo è finito

di Gaetano Pedullà

Con le vittime e i danni che ha fatto può sembrare blasfemo doverne riconoscere i meriti, ma la pandemia ha anche cambiato molte cose in meglio: dalla consapevolezza di quanto si sia sacrificata la sanità pubblica sino alla diffusione del lavoro a distanza dagli uffici. Rivoluzioni rimaste da anni eterne promesse, come lo smart working, sono diventate la norma per milioni di imprese e di professionisti, costretti a superare la pigrizia e ad affacciarsi su questo mondo nuovo. Un salto che una volta riuscito poi non rende facile tornare indietro, e dunque anche alla fine del lockdown continueremo ad acquistare in modo più massiccio online, a farci portare da mangiare col delivery e a lavorare molto di più da casa.

Proprio il lavoro è il mondo che il virus ha cambiato più radicalmente, e questo la dice lunga di quanto fossimo cristallizzati in un sistema post-industriale protetto da contratti, mansioni, abitudini e resistenze nel modificare i modelli organizzativi. Una trasformazione che domani si mostrerà in maniera plastica nel più tradizionale degli appuntamenti con la festa del Primo Maggio: il concerto di Piazza San Giovanni, a Roma. Da molti anni questo evento è il simbolo di una retorica sindacale costretta a intrufolarsi tra la musica per parlare a un pubblico che il lavoro fatica a trovarlo, quando addirittura non l’ha visto mai. Pur con artisti e conduttori diversi, temi antichi e d’attualità, il concertone nel suo format di fondo è rimasto però sempre identico: stessa spiaggia (la location) e stesso mare (i refrain sui diritti, sicurezza e legalità). Nulla di sostanzialmente nuovo, insomma, a testimonianza di un mondo che non ha saputo evolversi e modernizzarsi, se non in modo parziale e sui grandi numeri solo potenziale.

Nell’anno del Covid, con le restrizioni sul distanziamento sociale, il concertone si svolgerà con logiche completamente nuove. Mancherà il senso di comunità che dà la piazza, ma gli artisti coinvolti si misureranno con collegamenti in digitale, proprio come i lavoratori di cento professioni, della scuola, delle banche, dello shopping e quant’altro stanno facendo da mesi. I cantanti si esibiranno da diverse parti d’Italia, annullando le distanze e offrendo performance inedite, immersi in un pubblico in mezzo al quale non possono cantare. La recente maratona musicale promossa da Lady Gaga, “One world, together at home”, ha dimostrato che si può trasmettere un messaggio potente (ha raccolto milioni di spettatori e 127 milioni di dollari per beneficienza) ricorrendo alla musica e alla rete, integrata con le radio e le televisioni.

Si sperimenta, insomma, e si cercano strade nuove di cui c’è bisogno, anche se le rendite di posizione rifiutano il cambiamento. Modelli classici – la fabbrica, l’ufficio, il negozio, il centro commerciale – regolati da figure tipiche – il padrone, il manager e il dipendente – hanno fatto comodo a chi si è assicurato un avvenire nelle organizzazioni di rappresentanza (il sindacato dei lavoratori, ma anche quelli datoriali non fanno molta differenza) senza costringerli a misurarsi col cambiamento. E pazienza se la base fuggiva e oggi, per dire, i confederali Cgil, Cisl e Uil hanno tra i loro iscritti più pensionati che lavorativi attivi. Ci voleva allora il virus per costringere anche i sindacati a guardare il nuovo mondo del lavoro togliendosi di dosso gli occhiali del passato. E prendere atto che serve tutto un altro approccio. Come il concerto di domani, nella sua originalità, mostra chiaramente.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua