L'Editoriale

Il Nazareno ora faccia un miracolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

di Gaetano Pedullà

Ieri La Notizia annunciava in prima pagina la resurrezione del Nazareno. Il miracolo era nell’aria e infatti Renzi e Berlusconi sono usciti dal loro faccia a faccia con un’alleanza più salda di prima. Le minacce della Boschi, le ritorsioni di Brunetta, gli altolà di Alfano erano dunque il solito teatrino della politica. Avvisi ai naviganti perché nessuno cambi l’unico gioco che piace a tutti: conservare la poltrona. I tempi però sono difficili e gli orizzonti mutabili. Quindi il premier e il Cavaliere (è inutile definirlo ex, tanto tra un po’ gli ridanno il titolo) hanno rinsaldato il patto senza però definire tutti i dettagli, a cominciare dallo sbarramento elettorale per finire con il nome del nuovo Presidente della Repubblica. Di carne da arrostire per sfamare le rispettive opposizioni interne ce n’è a volontà. Ma salvare questo Parlamento così fragile fa davvero il gioco degli italiani? Renzi a palazzo Chigi è contento. Berlusconi che esce pulito come un giglio da ogni processo pure. Le riforme però stentano. E se a questo Governo va bene perdere sei mesi solo per approvare la riforma del Senato in prima lettura, allora stiamo freschi. Di tempo ne abbiamo già buttato tanto.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA