L'Editoriale

Il prezzo delle bugie di Salvini lo paga tutto il Paese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Visto il grande successo delle paure, adesso ci si riprova con le incertezze. Su come siano state montate le prime è tutto chiaro. Una retorica incessante sullo straniero che ruba il lavoro agli italiani, o sui criminali dietro l’angolo, ha fatto schizzare il consenso di chi promette di risolvere i problemi buttando i migranti a mare o parandogli davanti un velleitario blocco navale. Per il momento, però, di andare alle urne non se ne parla e allora bisogna toccare altre corde, tenere alto il livello dell’indignazione popolare, a costo di raccontargli nuove frottole. Ai politici, si sa, questo sport riesce benissimo, ma l’ultima trovata della Lega per attaccare gli avversari al Governo è insuperabile.

Dopo l’invenzione di una Manovra che aumenta le tasse, mentre in realtà le diminuisce, ora ci raccontano che daremo un sacco di soldi pubblici al Fondo europeo Salvastati, togliendoli agli italiani che stringono la cinghia, e tutto questo in gran segreto. Regista della rapina del secolo sarebbe il premier Giuseppe Conte, che si è accordato nottetempo con la Merkel, i poteri forti, le barbe finte e chissà chi altri. In un Paese normale, un politico serio si guarderebbe bene dal farsi ridere dietro raccontando una tale panzana, ma a furia di ripetere le stesse bugie molti si convincono che queste siano la verità, e così il beneficio elettorale è assicurato. E dire che a Bruxelles si tratta sul Fondo salvastati da oltre un anno, e lo stesso Conte ha ricordato ben quattro riunioni con la Lega per aggiornare l’Esecutivo dell’epoca sugli sviluppi di un accordo che costa qualcosa a tutti gli Stati dell’Eurozona, ma serve a prevenire eventuali crisi di sistema.

Scoperto a mentire, Matteo Salvini ha cambiato la sua versione, affermando di essersi sempre espresso contro. Ora, delle due l’una: o non sapeva (versione 1) oppure (versione 2) si è espresso contro su qualcosa che a quel punto non poteva non sapere, per la serie delle supercazzole tipo la casa di Scajola comprata a sua insaputa. Certo, buttarla ogni giorno in caciara, alimentando incertezze che già abbondano per conto loro (vedi la vicenda Ilva) sconcerta il Paese, allontana gli elettori dal Governo e li avvicina alla Lega, ma a un prezzo che paga – questo sì sul serio – tutto il Paese.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA