L'Editoriale

Il tradimento dell’Europa a due velocità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Tre zombie e un becchino in un cimitero. La foto dei quattro leader europei che parlano del destino dell’Unione a Versailles è degna di un film di Dario Argento. Hollande, unico presidente francese a non tentare un secondo mandato causa evaporazione di tutti i suoi voti, Gentiloni, diventato premier neanche lui sa ancora come, Rajoy in sella grazie a un accordo che si tiene con lo scotch, ci propinano la loro nuova idea di Ue, visto che la vecchia è sostanzialmente trapassata ad altra vita, accompagnata da un numero crescente di Euroscettici, a partire dalla maggioranza dei britannici che hanno tagliato il cappio tirato da Bruxelles. Quarto soggetto, il becchino, è la signora Merkel, consapevole del delitto perfetto con cui la sua Germania ha messo tutti gli altri in mutande e talmente forte di tutto questo da dire ufficialmente che in futuro l’Unione europea avrà più velocità. Tradotto: i tedeschi correranno e gli altri pazienza se resteranno a zoppicare. Un certificato di morte dello spirito di solidarietà che era la base dell’Unione, letto sotto i sorrisi idioti dei tre capi di governo felici per sembrare ancora vivi mentre pure loro sono defunti.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA