La bugia degli aiuti mai arrivati

di Gaetano Pedullà

Stesi da due mesi di economia paralizzata per il Coronavirus, ora che si avvicina la fine del lockdown la domanda di tutti è con che soldi camperemo. Il Governo Conte ha fatto un miracolo costringendo a discutere di Recovery Fund un’Europa riottosa a mettere mano al portafoglio. Purtroppo però l’eurosistema è talmente burocratico e lento da rendere lontana l’effettiva disponibilità di quei 1.500 miliardi di aiuti auspicati non solo dall’Italia. Dunque dovremo cavarcela facendo quasi tutto da soli. Come sempre.

Se lasciamo perdere i fogliacci della propaganda di destra, secondo cui qualunque cosa faccia Palazzo Chigi è sbagliata, non possiamo che prendere atto di una serie di sforzi senza precedenti. I comparti sanitario e del welfare stanno reggendo, nonostante i pasticci delle Regioni, tra delibere sbagliate e mascherine comprate da speculatori e truffatori. Molto meglio hanno fatto i Comuni, con i sindaci quasi ovunque pronti nel dare un primo sostegno con i buoni spesa alle famiglie indigenti.

Su questo punto, Roma è la punta di diamante con migliaia di ticket già consegnati, anche ricorrendo a un’App, ma così come la Raggi stanno facendo un gran lavoro Sala, Appendino, Orlando, de Magistris e tanti altri, indipendentemente dal colore politico. Lo Stato da parte sua ha accreditato a oltre due milioni di lavoratori autonomi i 600 euro previsti a marzo, e tra breve farà lo stesso per aprile, portando la somma a 800 euro. Altri milioni di lavoratori sono stati messi in cassa integrazione, anche in deroga ai settori in cui non è prevista.

Tutto questo è poco? Senz’altro se l’intervento pubblico si fermasse qui, come ci raccontano a reti tv unificate Salvini, Meloni e i loro trombettieri, ma questo è solo l’inizio. Il sistema di garanzie bancarie fino a 400 miliardi è in Italia il più imponente di sempre. E se le banche non tradiranno gli impegni presi ci sarà una prima boccata d’ossigeno. La leva necessaria per riprendersi, a patto che il Fisco ci dia tregua e si aprano subito i cantieri, anche in deroga al Codice degli appalti, sul modello Genova. Un ventaglio di interventi, insomma, che presi singolarmente fanno poco, ma insieme danno chance serie alla ripresa.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua

Destra sempre più egoista

Ci voleva un numero di morti da giorni impressionante per far venire in mente almeno a un pezzo del Centrodestra che è ora di cambiare musica, smetterla col gioco facile di soffiare sul malcontento della piazza e accordare invece una tregua al Governo per dare in fretta agli italiani gli aiuti che servono. In tal…

Continua