L'Editoriale

La bugia degli aiuti mai arrivati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Stesi da due mesi di economia paralizzata per il Coronavirus, ora che si avvicina la fine del lockdown la domanda di tutti è con che soldi camperemo. Il Governo Conte ha fatto un miracolo costringendo a discutere di Recovery Fund un’Europa riottosa a mettere mano al portafoglio. Purtroppo però l’eurosistema è talmente burocratico e lento da rendere lontana l’effettiva disponibilità di quei 1.500 miliardi di aiuti auspicati non solo dall’Italia. Dunque dovremo cavarcela facendo quasi tutto da soli. Come sempre.

Se lasciamo perdere i fogliacci della propaganda di destra, secondo cui qualunque cosa faccia Palazzo Chigi è sbagliata, non possiamo che prendere atto di una serie di sforzi senza precedenti. I comparti sanitario e del welfare stanno reggendo, nonostante i pasticci delle Regioni, tra delibere sbagliate e mascherine comprate da speculatori e truffatori. Molto meglio hanno fatto i Comuni, con i sindaci quasi ovunque pronti nel dare un primo sostegno con i buoni spesa alle famiglie indigenti.

Su questo punto, Roma è la punta di diamante con migliaia di ticket già consegnati, anche ricorrendo a un’App, ma così come la Raggi stanno facendo un gran lavoro Sala, Appendino, Orlando, de Magistris e tanti altri, indipendentemente dal colore politico. Lo Stato da parte sua ha accreditato a oltre due milioni di lavoratori autonomi i 600 euro previsti a marzo, e tra breve farà lo stesso per aprile, portando la somma a 800 euro. Altri milioni di lavoratori sono stati messi in cassa integrazione, anche in deroga ai settori in cui non è prevista.

Tutto questo è poco? Senz’altro se l’intervento pubblico si fermasse qui, come ci raccontano a reti tv unificate Salvini, Meloni e i loro trombettieri, ma questo è solo l’inizio. Il sistema di garanzie bancarie fino a 400 miliardi è in Italia il più imponente di sempre. E se le banche non tradiranno gli impegni presi ci sarà una prima boccata d’ossigeno. La leva necessaria per riprendersi, a patto che il Fisco ci dia tregua e si aprano subito i cantieri, anche in deroga al Codice degli appalti, sul modello Genova. Un ventaglio di interventi, insomma, che presi singolarmente fanno poco, ma insieme danno chance serie alla ripresa.

Gli ultimi editoriali