L'Editoriale

La destra abbaia e non morde

Centrodestra Luca Bernardo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Nel Centrodestra manca solo che vengano alle mani, come ieri s’è sfiorato alla presentazione del candidato sindaco di Milano Luca Bernardo Chi? (nella foto), parente acquisito dell’altro sconosciuto Enrico Michetti Chi? lanciato a Roma. Giorgia e Matteo, che ci hanno fatto credere per anni di essersi tanto amati, hanno gettato la maschera.

Il primo è convinto di poter fare il premier al prossimo giro, e per arrivarci s’è dovuto ripulire l’immagine sostenendo Draghi e accreditandosi con i poteri forti e l’Europa. La seconda, invece, dall’opposizione acchiappa simpatie a strafottere, che però fino al giorno delle urne non contano niente. Un tempo che senza potere può essere fatale, soprattutto se la legislatura arriverà al 2023. Di qui la trincea di Fratelli d’Italia su ogni poltrona, con gli ultimi casi assai rumorosi al Copasir e alla Rai.

Ma questo Centrodestra può rompersi davvero? La risposta è no, anche se la tensione aumenterà ancora, con vette inesplorate al momento di stringere sulla presidenza della Repubblica, per non parlare di quando il cuscinetto assicurato finora da Berlusconi sparirà.

Dopo essersele date come alla guerra dei Roses, il Peron della Lega avrà bisogno della sua Evita, e se pure il Carroccio cambiasse cavallo, passando la segreteria allo Zaia o al Giorgetti di turno, la destra italiana resterà comunque a due punte: quella regionalista e populista del Nord da una parte e quella statalista e storica dall’altra. E con due galli a cantare nello stesso pollaio se va bene si spenneranno tra loro. E se va male le penne ce le levano a noi.

Leggi anche: Debutto con rissa per Bernardo. La destra è sempre più ai ferri corti. Scintille alla presentazione del candidato a Milano. Meloni diserta l’evento, La Russa litiga con la Ronzulli.

Gli ultimi editoriali

Fontana e altre facce di bronzo

Non è l’abbronzatura, è che hanno proprio le facce di bronzo. Prendete l’industriale veneto Franceschi, re delle stamperie, che anni fa si stracciava pubblicamente le

Continua »