L'Editoriale

La lezione del Dragone alla Merkel

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Abbiamo molto da imparare dai cinesi. Mentre in Europa si tergiversa ancora sul debito greco, Pechino non prende esempio dal lungo immobilismo delle autorità politiche e monetarie dell’Unione. E senza aspettare che la crisi del dragone si trasformi in una bolla ingestibile muove tutte le leve di cui dispone. Compresa la svalutazione della moneta che servirà a dare fiato alle imprese. Esattamente il contrario di quello che si è fatto per anni in Europa, a causa del veto tedesco a qualunque mossa della nostra Bce. Sono dovuti passare cinque anni dall’avvio della gigantesca immissione di liquidità della Fed che ha rimesso in piedi gli Usa prima di far partire anche qui una manovra sostanzialemente identica. E se non fossimo stati sull’orlo del pericoloso baratro della deflazione, Mario Draghi difficilmente avrebbe spezzato l’interessato attendismo di Berlino. Con la crisi che ha messo in ginocchio metà dell’Ue e grazie alla grande finzione degli spread la Germania ha tratto infatti immensi vantaggi. La Cina perciò non ha perso tempo. Al contrario nostro che con le mani troppo a lungo legate ci abbiamo rimesso montagne di denaro.

Gli ultimi editoriali

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di

Continua »

Basta bugie sulle riforme

Come sono diventati di bocca buona a Bruxelles. Una volta per farci prendere a prestito due soldi controllavano puntigliosamente le garanzie, facendoci persino l’analisi del

Continua »

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA