La più forte a Roma è la Raggi

di Gaetano Pedullà

Partì per suonarla e tornò suonata. È andata così a la Repubblica, quotidiano non più ostile di tutti gli altri nei confronti della sindaca di Roma, che ieri ha pubblicato un sondaggio sul gradimento della Raggi. Il titolo non lascia spazio a fraintendimenti: “Comunali, il flop di sindaca e M5S. Meno di uno su due la rivoterebbe”. Amen! Per chi si fida poco dei giornali, e perciò si è anche letto cosa dice l’indagine, prima di ricordarsi perché sempre meno persone vanno in edicola, ha scoperto però che il 21% degli elettori tornerebbe a votare Virginia Raggi, attribuendole così una base che ne fa la candidata più forte tra tutti i nomi in circolazione.

Una sorta di invito a riprovarci, insomma, senza contare che l’amministrazione capitolina ha dovuto ingoiare rospi a due a due finché non sono diventati dispari per affrontare i disastri lasciati dalle precedenti giunte di Sinistra, di Destra e marziane. Sacrifici che stanno portando già i primi frutti, come il miracoloso risanamento del bilancio dell’Atac, l’azienda del trasporto urbano che solo tre anni fa aveva un debito paragonabile a quello dell’Alitalia. Grazie a risultati come questo Roma può mettere finalmente in moto il quarto tracciato della metropolitana, quella linea D che Walter Veltroni promise senza metterci un euro e che Gianni Alemanno bocciò per mancanza di fondi.

Alla fine del mandato, tra oltre un anno e mezzo, si vedranno però molti altri frutti, come le migliaia di chilometri di strade riasfaltate, la riduzione del malaffare che dilagava negli uffici, i benefici economici per la fine del monopolio nella gestione dei rifiuti, il potenziamento e la completa manutenzione della rete idrica (solo tre anni fa si razionava l’acqua) e molto altro ancora. Roma poteva crescere di più? Tutto si può fare meglio, ma alla luce della debolezza del ciclo economico e del totale sbando in cui la Raggi ha trovato il Comune è stata una decisione tanto prudente quanto sacrosanta quella di non correre per le Olimpiadi, puntando prima a risanare un ente locale che versava in condizione da incubo. Chi verrà dopo, sia la stessa Raggi o chiunque altro, si troverà in mano una vettura più manovrabile e meno indebitata. E questo il 21% dei romani l’ha già capito.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua

Destra sempre più egoista

Ci voleva un numero di morti da giorni impressionante per far venire in mente almeno a un pezzo del Centrodestra che è ora di cambiare musica, smetterla col gioco facile di soffiare sul malcontento della piazza e accordare invece una tregua al Governo per dare in fretta agli italiani gli aiuti che servono. In tal…

Continua

Autostrade, la revoca delle concessioni ora è dovuta

Alzi la mano chi si è sorpreso per l’arresto dell’ex amministratore delegato di Atlantia, la holding controllata dai Benetton che a sua volta controlla Autostrade per l’Italia. La nuova inchiesta riguarda le barriere fonoassorbenti (leggi l’articolo), ma è collegata alla vicenda del crollo del Ponte Morandi di Genova. Insomma, siamo là. Chi segue questo giornale…

Continua