L'Editoriale

Le nozze impossibili tra M5S e Pd. I nostri lettori hanno le idee chiare: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’abbiamo fatto una volta e non lo faremo più. Visto che si parla tanto di nuovi scenari per la politica italiana, con il Pd derenzizzato possibile nuovo interlocutore forte dei 5 Stelle, ieri ci è sembrato utile sentire cosa ne pensano i nostri lettori, e tra questi in particolare gli elettori e i simpatizzanti del M5S. Il risultato, per chi volesse andare a controllare sulla pagina Facebook de La Notizia, è schiacciante: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem. Un No talmente deciso da non farci comprendere che abbiano in testa i teorici di un tale cambio di cavallo rispetto alla Lega: dal direttore del Fatto quotidiano Marco Travaglio, al presidente della Camera, Roberto Fico – il più veloce a complimentarsi con Nicola Zingaretti per il successo alle primarie Pd -, fino alla capogruppo 5S in Consiglio regionale del Lazio, Roberta Lombardi, o il vicesindaco di Roma, Luca Bergamo, cioè chi incredibilmente sta più vicino alla Raggi nonostante non faccia mistero di avere il cuore che batte da sempre a Sinistra. La base 5 Stelle non ama Salvini, ma ne rispetta la lealtà fin qui dimostrata a Di Maio, e non è turbata dal calo dei consensi se nel frattempo il Governo Conte opera bene. Al contrario la diffidenza è massima sull’effettiva uscita di Renzi dalla scena dem, e la scelta di Zingaretti come primo atto ufficiale di andare a visitare i cantieri del Tav chiude ogni discorso. Ma forse chi suggerisce al Movimento la politica dei due forni tra Pd e Lega ha solo sottovalutato che la forza dei 5S deriva da una genuina trasparenza e non dai ribaltoni di Palazzo.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA