Le Regionali e tre lezioni per il futuro di Governo e Cinque Stelle

di Gaetano Pedullà

La maledizione dei referendum sulla propria persona colpisce anche l’altro Matteo, dopo Renzi tocca a Salvini, e l’appuntamento col citofono di Palazzo Chigi per far sloggiare il premier Conte è rinviato almeno di un anno, ma forse per tutta la durata della legislatura. Il leader della Lega e i suoi improbabili esperti di democrazia parlamentare a la carte possono minimizzare quanto vogliono, ma l’Emilia Romagna era la linea del Piave delle forze che sostengono il Governo e quando si arresta un’offensiva poi generalmente parte il contrattacco. In più, visti i nuovi equilibri che si delineano nel Centrodestra, con la Meloni che avanza ovunque e la rediviva Forza Italia che si aggiudica il governatore della Calabria, la convivenza del Capitano con i suoi alleati sarà oggettivamente più difficile.

Sul fronte della maggioranza giallorossa invece emergono tre aspetti. Il primo è limpido e toglie di mezzo ogni possibilità che l’Esecutivo debba farsi da parte. Il secondo è l’evidente sacrificio dei 5 Stelle, che con circa due punti di voto disgiunto tra la lista pentastellata e il presidente Bonaccini hanno messo in sicurezza il risultato emiliano. Un tributo che fa parlare a sproposito di estinzione dei 5S, ma che invece ha un valore e legittima una pretesa del Movimento – se ce ne fosse bisogno – di non scalfire gli attuali equilibri nel Governo.

Cadono così i giochi e giochetti di Palazzo per sostituire Conte, a cui punta da tempo un fronte variegato che spazia da Renzi a parte dei peones dei gruppi misti di Camera e Senato. Il terzo aspetto è una sorta di ineludibile convenienza, dal punto di vista elettorale, nella formazione di un nuovo campo progressista da contrapporre ai sovranistai Nelle prime parole di Zingaretti a risultato acquisito c’è stato un particolare ringraziamento alle sardine, e questo è il segnale di un’apertura che nelle intenzioni del segretario dem va estesa anche al Movimento retto da Vito Crimi. Cosa decideranno i 5S lo vedremo negli Stati generali di metà marzo, ma la prosecuzione del modello post ideologico alternativo ai due poli di Destra e Sinistra, anche considerando una nuova legge elettorale di forte impronta proporzionale, pur rivoluzionario, non promette grandi successi alle urne.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Patrimoniale. Non vale la candela

Non c’era bisogno del Covid per vedere nella società italiana divisioni profonde, ma a leggere l’ultimo rapporto Censis, la pandemia ha fatto precipitare la situazione. I garantiti con lo stipendio fisso, possibilmente pubblico, e i pensionati, stanno molto meglio di Partite Iva e precari, magari in altri tempi pure benestanti grazie al lavoro nero. L’incertezza…

Continua

Un Dpcm che cerca l’equilibrio

Nel giorno in cui arriviamo a un passo dai mille morti per Covid arriva un Dpcm di Natale che bilancia lo spirito religioso della festa, con il desiderio delle famiglie di ricongiungersi, e la necessità di tenere alta la guardia contro la pandemia. Per chi continua a straparlare di mancanza di ragionevolezza, di dittatura sanitaria…

Continua

Regaliamo il buonsenso a Natale

Oggi il ministro Speranza ci dirà come e quando saranno distribuiti i vaccini: duecento milioni di dosi, per cominciare, che potrebbero non bastare se le Regioni torneranno a chiedere subito di riaprire tutto, comprese le piste da sci, i virologi ci convinceranno che il virus morto ad agosto e resuscitato a settembre stavolta è schiattato…

Continua

Casaleggio e le lobby senza freni

Doveva far cascare il mondo e invece lo scoop del secolo, anzi del millennio, è stato già derubricato al capitolo bufale. Un po’ troppo facile, anche in un Paese che ha meno memoria di un pesce rosso, e che ormai convive allegramente con i conflitti d’interessi, senza eccezione per l’informazione. Il presunto scandalo è quello…

Continua

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua