L'Editoriale

Una Lega di lotta e di poltrone

MATTEO SALVINI lega rinaldi pagina facebook
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Giurano di non volere le poltrone, ma poi chissà come mai i leghisti ne conquistano ogni giorno di nuove. L’ultima è quella di presidente della Conferenza delle Regioni, passata ieri al governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. La maggioranza degli Enti – si dirà – è guidata dalle destre e quindi gli tocca. Invece al Copasir, la Commissione parlamentare sui Servizi segreti, la presidenza spetta alle opposizioni.

Qui però il deputato del Carroccio Raffaele Volpi non ci pensa proprio a dimettersi per far posto alla Meloni. Due pesi e due misure, insomma. D’altra parte, quando la Lega uscì dalla maggioranza giallo-verde col tradimento del Papeete, i suoi presidenti di Commissione alla Camera e al Senato si asserragliarono per un anno nei loro uffici prima di cedere la mano. Quello fu il periodo più nero per i notabili del partito di Salvini, perché una volta conosciuti gli agi degli scranni di ministri e sottosegretari del governo Conte I, lasciare tutto risultò durissimo, tanto che all’interno cominciarono a mettere in discussione il segretario, chi puntando su Giorgetti, chi su Zaia, più “democristiani” e per questo geneticamente incapaci di rinunciare a qualunque strapuntino di potere.

Rientrati in maggioranza con Draghi, i leghisti hanno appagato in parte la sete di poltrone, ma a prezzo di sacrificare molti consensi per la mancanza di vaccini e ristori. Da qui la strategia già usata con Di Maio: i meriti del governo si incassano e i demeriti si scaricano. Vittima sacrificale, questo giro, è il ministro Speranza, che però nell’ultima conferenza stampa è stato letteralmente blindato dal premier. Per Salvini & C. che accusano il responsabile della Salute di tutto, a partire dalle limitazioni anti-Covid prese in base a una “logica miope dei dati sanitari” dovrebbe essere consequenziale prenderne le distanze e rinunciare a governarci insieme. Ma la lezione dev’essere bastata e stavolta con fischio che i leghisti lasciano le poltrone.

Tanto in passato gli elettori di destra non hanno fatto un plissé sul Carroccio di lotta e di governo. Un’incoerenza che però stavolta ha un alternativa nel campo attiguo. E non a caso Giorgia cresce nei sondaggi mentre Matteo scende.

Leggi anche: Sondaggi politici: Conte leader più amato, cala la fiducia in Draghi<3>

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA