L’inganno degli scudi penali

di Gaetano Pedullà

A situazioni straordinarie non serve a niente rispondere con misure ordinarie. Un concetto semplice, che in Europa stentano a capire, ma che qui in Italia qualcuno a modo suo ha capito benissimo, e non gli pare vero di approfittarne. Sull’Unione europea ormai c’è rimasto poco da dire. Germania e Olanda continuano a porre il veto ai Covid-bond con cui finanziare i costi della pandemia, mentre la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ci dice tante belle parole, si scusa, ma poi alla fine propone giusto un piano per sostenere l’occupazione che è meglio di un gioco di prestigio per far sparire tanti soldi e farne riapparire la metà.

Anche dal cilindro della Bei, la Banca Ue degli investimenti, esce il coniglietto di altri 25 miliardi da utilizzare per tutti gli Stati (un’inezia) e da usare come leva finanziaria per aiutare le imprese. Ora o non si è capito quanto è grave il disastro economico a cui andiamo incontro oppure questa leva deve essere lunga da qua alla luna. Vabbè, tutto questo non illudiamoci che non avrà un costo politico quando gli euroscettici daranno un bel calcione all’Unione europea, a quel mostro burocratico che si ingrassa a Bruxelles e alle tradizionali famiglie politiche – popolari e socialisti – a cui si rifanno i leader più riottosi nel condividere anche in questo momento un minimo di solidarietà.

Altrettanto preoccupante è però chi pensa di speculare sull’emergenza sanitaria e poi economica per farci digerire anni e persino decenni di illegalità. Diventano così parole d’ordine la pace fiscale, il condono edilizio, lo scudo penale. Premesso che chi pensa di portare i medici in giudizio per come hanno combattuto contro il virus andrebbe mandato in viaggio premio a Wuhan insieme alle associazioni di azzeccagarbugli che già promettono di inondare di richieste di risarcimenti i tribunali, il problema che abbiamo adesso è quello di dare soldi alle persone e alle imprese, e non di toglierne in cambio di sanatorie che nulla c’entrano col Coronavirus. Perciò non facciamoci ingannare da certi opportunisti. Gli unici contro i quali non c’è speranza che arrivi un vaccino.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua

Destra sempre più egoista

Ci voleva un numero di morti da giorni impressionante per far venire in mente almeno a un pezzo del Centrodestra che è ora di cambiare musica, smetterla col gioco facile di soffiare sul malcontento della piazza e accordare invece una tregua al Governo per dare in fretta agli italiani gli aiuti che servono. In tal…

Continua

Autostrade, la revoca delle concessioni ora è dovuta

Alzi la mano chi si è sorpreso per l’arresto dell’ex amministratore delegato di Atlantia, la holding controllata dai Benetton che a sua volta controlla Autostrade per l’Italia. La nuova inchiesta riguarda le barriere fonoassorbenti (leggi l’articolo), ma è collegata alla vicenda del crollo del Ponte Morandi di Genova. Insomma, siamo là. Chi segue questo giornale…

Continua