L'Editoriale

L’Occidente ipocrita aiuta la Jihad

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Cos’altro deve succedere prima che l’Occidente e l’Europa riconoscano che siamo in guerra? Servono altro sangue, altre stragi, altro terrore? I video con le teste degli ostaggi occidentali tagliate, Charlie Ebdo, centinaia di cristiani trucidati, le cellule islamiche pronte a colpire ovunque e adesso i venti turisti uccisi in Tunisia sono più di una dichiarazione di guerra. La nostra risposta però è fragile, evanescente, incapace di fare la benché minima paura. Gli Stati Uniti bombardano dai cieli (senza pensarci nemmeno ad impiegare truppe di terra) e Paesi come Italia e Germania si sono messi l’anima in pace regalando un po’ di vecchi fucili alle truppe rimaste a combattere l’Isis. Troppo poco e i risultati si vedono. Con la Libia diventata una polveriera, l’Iraq e la Siria nel caos, affidarsi all’Egitto o alle fragili democrazie frutto delle primavere arabe è un’illusione. Non è questione di fare i gufi, ma se non si mette in fretta un argine i prossimi attentati sono già sicuri anche in Italia. Il tempo della diplomazia è finito. L’Isis non è semplice terrorismo, ma un modello di Stato che va fermato. Far finta di niente significa diventarne complice.

Gli ultimi editoriali

Segnali di saggezza da Marte

Dopo aver assistito inerme alla lapidazione quotidiana dei Cinque Stelle sul 98% dei giornali e telegiornali dello Stivale, ieri Beppe Grillo ha svelato ai suoi

Continua »