M5S e Pd vicini ma divisi

di Gaetano Pedullà

Perché Nicola Zingaretti ci ha messo tanto per dire Sì al referendum tagliapoltrone? Perché è lampante che un mucchio di notabili del Pd non vuol saperne di ridursi le cadreghe, e perché la base dem preferirebbe una legnata nelle zone basse piuttosto che riconoscere al Movimento di aver fatto qualcosa di buono. Morale della storia: bisogna avere una bella fantasia per pensare che queste due forze politiche possano convergere un giorno in un contenitore comune. I primi tentativi di avvicinamento, d’altra parte, sono stati disastrosi.

Basti pensare a cos’è successo alle Regionali in Umbria o alle poche alleanze costruite sui territori in vista delle elezioni del 20 e 21 settembre. Per non parlare dei veti preventivi, tipo quello sulla Raggi. Noi qui non vogliamo fare l’errore di considerare masochisti quei 5 Stelle che non votando Emiliano in Puglia e Giani in Toscana rischiano di andare incontro a una brutta sconfitta, di fare un regalo alle destre e indebolire il Governo Conte.

Questi elettori – c’è da scommetterci – hanno capito bene il valore di tutta questa posta in gioco, ma se ciò nonostante hanno preteso le candidature di Laricchia e Galletti vuol dire che l’alternativa è per loro indigeribile, come lo è aver dovuto attendere la direzione nazionale di ieri per vedere il Pd che accetta di ridurre uno dei tanti sprechi di questo Stato spendaccione con i soldi nostri. Di fronte alla falange delle destre, che marciano divise con tre leader che a malapena si sopportano ma poi attaccano sempre insieme, e così traggono il massimo risultato, sul fronte giallorosso è più redditizio fare lo stesso definendo alcuni valori comuni su cui scegliere in futuro dei candidati condivisi, ma restando distinti se non distanti.

Niente fusioni a freddo, insomma, o imposizioni dell’ultimo momento col ricatto di prendere una sberla elettorale. Perché la base Cinque Stelle massacrata dalle menzogne che gli buttano addosso tv e giornali, ormai sa accettare le sconfitte ai seggi, ma non di dare il voto a chi ha rappresentato un sistema di potere o ancora cincischia per difendere – dietro le giuste prerogative del Parlamento – pure le caselle della casta.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Sul pallone è autogol delle Regioni

Ma sì, aprano gli stadi così come in estate hanno aperto le discoteche. I governatori più pazzi del mondo hanno capito tutto: più sono protagonisti più diventano popolari, e pazienza se per accontentare la lobby del pallone rischiamo di rimontare Francia e Spagna nel campionato dei contagi. Tanto, qualunque fesseria decidano, le Regioni vincono sempre.…

Continua

Una speranza chiamata Movimento

Con l’avvicinarsi della manovra è ripartita la caccia al Reddito di cittadinanza. Niente di nuovo per i nemici di sempre – destra, associazioni industriali e giornali al guinzaglio – ma adesso a questo coro stonato si aggiungono esponenti di sinistra, come il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, che rianimati dal risultato delle Regionali vogliono riscrivere…

Continua

Linciaggio continuo contro i Cinque Stelle

Archiviati i risultati di Referendum e Regionali, a destra hanno capito tutti tranne Salvini che il problema è proprio il Capitano. Meloni e Berlusconi lo accusano di non aver sostenuto a dovere i loro candidati (perdenti) in Puglia e Campania, e lui ricambia prenotando per la Lega i sindaci di Roma e Milano. A partire…

Continua

Tre lezioni che arrivano dalle urne

Cronache dalle urne. 1) Gli italiani hanno tanta fame di riforme da non farsi più fregare dagli opportunisti di destra e sinistra, con i poteri forti e i loro giornaloni schierati platealmente contro il taglio dei parlamentari. Il Movimento Cinque Stelle ci ha creduto fino in fondo, e a differenze di chi promette dai tempi…

Continua

Dal Recovery Fund a Dublino. La svolta della von der Leyen porta la firma dei 5 Stelle

L’Italia canta vittoria in Europa. Anche i partiti più euroscettici e sovranisti devono ammettere che l’epoca dell’austerità e delle spallucce di Juncker è dimenticata, e con la presidenza della von der Leyen il nostro Paese ha un ascolto mai visto prima. Dal superamento del regolamento di Dublino che ci ha ridotto a campo di accoglienza…

Continua

Tenetevi pure gli statisti di una volta

Ah quanto erano bravi i politici di una volta! Quelli sì che erano statisti, mica gli scappati di casa che stanno oggi al governo. Certo, i campioni della Prima Repubblica, da Andreotti a Craxi, ci hanno lasciato un Paese scassato e con un debito pubblico da paura, per non dimenticare – se non andiamo a…

Continua

Una destra negazionista per natura

Negazionista per natura. L’involuzione della destra italiana, da storica area culturale e politica alla compagnia di avanspettacolo del trio Salvini, Meloni e Covid Berlusconi ha aggiunto un nuovo carattere biologico ai suoi sostenitori, diventati bastian contrario a prescindere. La pandemia è pericolosa? Ma no, muore poca gente e le mascherine non servono a niente. Con…

Continua

Meloni & C. vogliono le poltrone

Capiamo i leader della vecchia politica e quelli che il blog di Grillo chiama i dinosauri (del Palazzo), signori a cui nemmeno passa per la testa di segare l’albero sul quale stanno seduti da decenni o sognano di riprendersi uno strapuntino. Un ceto politico che perlomeno ci ha messo la faccia – seppure di bronzo…

Continua

Il Capitano scaricato dal Carroccio

Nelle messe cantate di Porro e Del Debbio sugli straordinari meriti del Centrodestra e della Lega non se n’è mai parlato, e meno che meno nelle sacre scritture di Belpietro e Sallusti perennemente contro Conte e i 5 Stelle, ma sul fronte dell’opposizione è in arrivo l’Apocalisse. Per il Covid e per ovvi motivi anagrafici…

Continua

Sulla scuola un caos criminale

L’inizio della scuola è da sempre un Far West. Proteste, insegnanti che mancano, studenti che non si sa dove mettere. Politica e sindacati ci sguazzano, ma poi la campanella suona e si pensa a studiare. Un diritto che quest’anno si sta mettendo in pericolo con l’antologia più aggiornata delle brutte lezioni. Gestire il rientro in…

Continua