L'Editoriale

Molto meglio le primarie che il suicidio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Non c’era bisogno del colpo di grazia per certificare il trapasso del Centrodestra. Ma a scanso di equivoci a Milano è scoppiato il solito scandalo, con le manette fin dentro la Regione, mentre a Roma la coalizione ha preferito direttamente suicidarsi. Al Pd che regolerà i suoi conti nelle primarie, e ai Cinque Stelle che puntano tutto sul casting delle Comunarie, i moderati rispondono disperdendo il consenso su tre candidati: Bertolaso, Marchini e Storace. Così è certo che non arriveranno neppure al ballottaggio. La paura di possibili brogli nella selezione dal basso della classe dirigente ha trasformato un potenziale problema in una certa disfatta. E con il crepuscolo del leader carismatico Berlusconi, l’attuale Centrodestra è entrato nella fase più buia della sua storia. Popolati da troppi impresentabili, Forza Italia e Lega hanno criticato aspramente le falle nelle primarie del Pd. E questo non per farne tesoro e selezione i candidati senza commettere gli stessi errori, ma solo per avere l’alibi dietro il quale lasciare tutto così com’è, con Arcore che decide e Salvini e Meloni che fanno i capetti a casa loro. Capetti che sanno accontentarsi delle briciole.

Gli ultimi editoriali