L'Editoriale

Questo calcio costringe al pugno duro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La polizia olandese doveva bloccare gli ultrà di casa propria che hanno devastato Roma, e invece ha trattato come criminali i tifosi italiani. Nel campionato dell’ordine pubblico, i tulipani sarebbero da retrocessione. Se guardiamo però pragmaticamente alle cose, noi ci teniamo la Barcaccia del Bernini danneggiata mentre a Rotterdam non è stato sfiorato un banale calcinaccio. Alla fine dunque usare il pugno di ferro funziona. E purtroppo con certi scalmanati mimetizzati da tifosi non c’è altro da fare. Si rassegnino le anime belle, i sedicenti giornalisti radiofonici e tutti quei politici che ieri strillavano contro i metodi a dir poco ruvidi usati dalle forze dell’ordine olandesi per controllare i supporter romanisti. Con i teppisti l’unica ragione è che non c’è ragione. Ora nessuno può dire cosa sarebbe accaduto lasciando spazio ai tifosi giallorossi, ma in un calcio dove spirito sportivo e violenza si mischiano, si nascondono a vicenda e si confondono, essere di manica larga non paga. Gli olandesi l’hanno capito mentre gli italiani continuano a tollerare. Il risultato è che gli stadi si svuotano sia qui che in mezza Europa. Lì però almeno contano meno danni.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »