L'Editoriale

Regioni più dannose del virus

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’eroismo dei soldati, la confusione dei comandi. Nelle guerre degli italiani questa è una costante, e la guerra al Coronavirus non fa differenza. I medici, gli infermieri, i farmacisti ci rimettono anche la pelle mentre il Governo dice una cosa e le Regioni un’altra. E chi se ne frega se questo conflitto nelle decisioni rende tutto più difficile e rischia di allungare la nostra prigionia in casa, attaccati alle televisioni o ai telefonini in attesa delle notizie dal fronte: se i morti sono di più o di meno, a quanto siamo arrivati con i contagiati e con i guariti. In una recente trasmissione tv avevo detto che quando l’emergenza sarà finita bisognerà ripensare al nostro regionalismo, ai limiti e ai costi esorbitanti che comporta, sentendomi rispondere che questa è una minchiata.

A parlare era il più minchione dei nostri governatori, il presidente ligure Giovanni Toti, che a sprezzo del ridicolo rivendicava l’ottimo lavoro delle Regioni, al contrario di quei perdigiorno di Conte e dei suoi ministri che a Roma “non hanno capito” il dramma del Nord, per usare le parole del collega lombardo Attilio Fontana. Purtroppo il nostro è il Paese delle rendite di posizione, e la succulenta mangiatoia delle Regioni fa gola a troppi per ammettere non solo che brucia miliardi, ma che ingarbuglia e duplica molte mansioni, come abbiamo visto fino a ieri con la richiesta di sperimentare sia in Piemonte che in Veneto il farmaco che in Giappone pare abbia qualche successo contro il Covid-19, e di cui l’Aifa, l’Agenzia nazionale per farmaco, altro ente inutile e mangiasoldi, si teneva l’autorizzazione nel cassetto.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA