Salviamoci dai matti delle regioni

di Gaetano Pedullà

Ci mancavano solo i governatori che chiudono i confini delle regioni, che per farci passare chiedono il passaporto e se va avanti così tra un po’ si dichiarano guerra tra loro. Non serviva il Coronavirus per mostrare chiaramente che il regionalismo in Italia è un immenso fallimento. Ma la situazione adesso ha raggiunto le soglie del grottesco. Gli enti che dovevano svolgere funzioni intermedie tra le comunità locali e lo Stato sono diventati chi più chi meno immensi stipendifici, fonti inesauribili di costi, burocrazia e corruzione. I lettori più giovani potrebbero non ricordare, ma fino al 1970 le Regioni non c’erano e il nostro Paese andava a gonfie vele.

Poi, siccome stavamo dalla parte del Patto atlantico, e quindi per ragioni geopolitiche la sinistra non poteva andare al governo, si decentrarono alcuni poteri in modo da accontentare il Pci che in quell’epoca era oggettivamente maggioritario in vaste aree della nazione. Da allora si sono fatte cose buone e altre pessime, fino all’errore fatale della riforma del Titolo V della Costituzione, nel 2001, quando la Sinistra provò così a scavalcare Bossi, disinnescandone i propositi di secessione, ma di fatto senza sottrargli quel radicamento elettorale nel Nord che poi Salvini ha recuperato e rilanciato. L’effetto di tutto questo è stata la trasformazione dei presidenti delle Giunte regionali in autentici Padri eterni, che un minuto dopo essersi insediati giurando sulla Costituzione sono diventati i padroni dei loro territori, derogando persino su prerogative inalienabili dello Stato, come le disposizioni per motivi sanitari.

L’Italia massacrata da un virus mortale che si chiama burocrazia, ha così peggiorato il problema e ora si presenta a qualunque guerra – per assicurare la salute dei cittadini come per far ripartire l’economia – alla stregua di un esercito che avanza al comando di tanti generali, dove uno gira e destra e l’altro a sinistra, qualcuno va alla carica e qualcun altro sta in trincea. Saranno tutti bravi e con le loro belle uniformi, ma tutte le battaglie in questo modo finiscono in disastri, e chi paga per tutti restando vittima sul campo siamo noi cittadini.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un assalto indecente a Toninelli

Lasciatevelo dire da chi di aggressioni verbali se ne intende, benché essere bullizzato nei talk show televisivi da tutti gli ospiti contro uno, piuttosto che venire coperto da insulti sui social network, è nulla rispetto all’accerchiamento subito qualche giorno fa dall’ex ministro Danilo Toninelli. Per chi ha di meglio da fare che seguire la pagina…

Continua

Pure alleati M5S e Pd sono diversi

Allearsi su specifici obiettivi non significa fondersi, e se a invitare 5 Stelle e Pd a un supplemento di riflessione è anche il premier Giuseppe Conte, pure le basi più recalcitranti dovrebbero valutarne meglio i pro e i contro. Il Movimento, con la sua giovane storia, è cosa ben diversa dai dem, che non hanno…

Continua

Basta regali, condoni e l’inutile Tav

Chi sperava in una raffica di condoni con la scusa dell’economia in stallo per il Covid deve rassegnarsi ad attendere un altro Governo in chissà quale altra legislatura. A chiarirlo è stato ieri lo stesso premier Giuseppe Conte, ammettendo che non c’è riforma più urgente del semplificare la nostra burocrazia, ma questo non significa fare…

Continua

La Verità che sa di balla

Cari lettori de La Notizia, giovedì scorso abbiamo saputo che non esistete nemmeno, perché il direttore di un giornale nato alcuni anni dopo di noi ha sentenziato così, svicolando in questa maniera dalla balla di un milione di cassa integrati non pagati dall’Inps, e soprattutto dalla vergogna del ripristino dei vitalizi per gli ex senatori.…

Continua

Terrorismo su Inps e pandemia

Ci sono molti modi di fare terrorismo. Conosciamo bene quello politico e religioso, mentre la novità è quello sanitario, di gran moda nel crescente numero di scettici sul Covid. Non avevamo idea però di arrivare al terrorismo assistenziale. A tirare le bombe sono da settimane alcuni giornali, immancabilmente rilanciati nei talk show televisivi, quasi tutti…

Continua

Il Carroccio di Salvini ora è di Zaia

Viva la faccia, il governatore del Veneto Luca Zaia non fa lo stesso giochino di Salvini, prendendo in giro con una felpa ogni volta diversa le città del Nord o del Sud in cui si reca, e rivela onestamente la vera natura della Lega, un partito del Settentrione, divisivo e con in testa solo l’autonomia…

Continua

L’orgoglio Cinque Stelle non fugge

Anche la senatrice Alessandra Riccardi se ne va dai Cinque Stelle, ovviamente senza lasciare la poltrona che mai avrebbe potuto avere senza i voti del Movimento, e come tanti altri prima di lei sputando pure nel piatto in cui ha mangiato. Insieme alla deputata Alessandra Ermellino, anche questa uscita ieri dal gruppo, ha addossato ad…

Continua

La destra si conferma giurassica

Non sono d’accordo su quisquiglie come il Mes o da che parte stare in Europa, e devono discutere pure se andare insieme o divisi a incontrare il governo ai tempi supplementari degli Stati Generali, ma se c’è da spartire poltrone i partiti del Centrodestra un accomodamento lo trovano sempre, a costo di riesumare i vecchi…

Continua

Paghiamo Fazio per sloggiare

Fabio Fazio ha tutto il diritto di difendere il suo sontuoso stipendio, ma per favore ci risparmi le storielle della povera vittima (con 2 milioni di stipendio l’anno!), della Rai che non lo vuole e delle norme del Cda ad personam contro di lui. Per effetto del Covid la pubblicità con cui si regge la…

Continua

A Bonomi piace la torta

Se qualcuno non avesse ancora capito perché il nostro establishment ama i 5 Stelle e il Governo Conte quanto un calcio nelle zone basse può farsi un’idea ascoltando Carlo Bonomi, il presidente di un’associazione che sembrava Confindustria e invece è Confindustria Lega. Nel perfetto stile dei nostri migliori prenditori, Bonomi guida un’organizzazione che campa grazie…

Continua