L'Editoriale

Sedotti e scaricati all’Ama. Accusare la Raggi di inerzia è un alibi che non regge

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Quando finisce un matrimonio è la regola che ciascun coniuge accusi l’altro, anche se in genere un po’ di colpa ce l’hanno entrambi. Ci sono divorzi, però, dove chi fugge non ha scuse, e dunque deve inventarsi qualunque cosa, anche a sprezzo del ridicolo. Facciamo il caso dei vertici dell’Ama – la municipalizzata dei rifiuti di Roma – che ieri hanno mollato la sindaca Raggi, raccontando di essere stati sedotti e abbandonati. Dopo aver accettato appena quattro mesi fa l’incarico (che beninteso non è a titolo gratuito), presidente, amministratore delegato e il terzo componente del Cda hanno detto proprio così: sono stati abbandonati da Virginia.

La versione non sarebbe affatto strana se ci trovassimo, chessò, a Mantova o Belluno, città tra le più pulite del Paese, ma a Roma sono anni che si parla di rifiuti, e solo dall’insediamento dei vertici di Ama appena usciti la Raggi ha fatto decine di interventi pubblici, tenendo più alta che poteva l’attenzione, anche di fronte alle responsabilità della Regione e dei privati che dispongono degli impianti di smaltimento.

Di questi interventi c’è ampia documentazione sui giornali e sul web, e pertanto le giustificazioni degli ex responsabili dell’Ama sanno di mossa disperata, a fronte dell’incapacità di gestire una situazione incancrenita da decenni di inerzia della politica locale, che ha messo in carico al servizio pubblico la costosa raccolta dei rifiuti e nelle tasche di un privato i ricchi ricavi dello stoccaggio. Per questo proprio ora che c’è un sindaco che cambia rotta, accusarlo di inerzia è un alibi che non regge.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA