Sembravano sardine. Erano squali

di Gaetano Pedullà

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non convinceva, ma ciò nonostante anche questo giornale aveva guardato alla nascita del fenomeno con attenzione, e pertanto non possiamo essere accusati della stessa ostilità di altri. Era strano però l’enorme strombazzamento della Sinistra e del suo sistema mediatico.

Anche l’esiguità della proposta politica era disarmante, per quanto su quella tela bianca si sarebbe potuto dipingere ogni cosa. Ma passate le urne non si è visto niente, se non incomprensioni tra referenti locali e il bacio della pantofola ai Benetton e al loro guru della comunicazione Oliviero Toscani. “Un’ingenuità”, è stata la giustificazione delle sardine cape a chi ha ricordato che dal giorno del crollo del ponte Morandi di Genova, in cima all’agenda politica del Paese c’è la revoca delle concessioni autostradali al gruppo di Ponzano veneto. Possibile perciò che sia stata solo leggerezza? Crederlo non è facile conoscendo lo storico rapporto dei Benetton con la Sinistra italiana, ben sostenuta anche con regolari e ricche donazioni. Ma ieri Santori ha gettato la maschera, dicendo che opponendosi ai vitalizi i 5 Stelle non hanno “seguito l’attualità dell’agenda di governo” – ah, ora la conoscono l’agenda! – e bocciato come “strumentale” la manifestazione di sabato prossimo in piazza a Roma proprio contro il ripristino di questo intollerabile privilegio.

Alle sardine interessa solo riscrivere i decreti sicurezza, su cui peraltro anche il Movimento oggi retto da Vito Crimi è d’accordo nel recepire le osservazioni del Quirinale e aggiustare persino di più, alla luce dei limiti fin qui dimostrati dai provvedimenti. Nel frattempo però per Santori e compagni i Benetton possono continuare a fare soldi con le autostrade regalate dallo Stato, i parlamentari tenersi i loro vecchi benefici e il Paese restare quello che è. Ce l’avessero raccontata così sin dall’inizio, invece che sardine li avremmo chiamati squali.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua

Destra sempre più egoista

Ci voleva un numero di morti da giorni impressionante per far venire in mente almeno a un pezzo del Centrodestra che è ora di cambiare musica, smetterla col gioco facile di soffiare sul malcontento della piazza e accordare invece una tregua al Governo per dare in fretta agli italiani gli aiuti che servono. In tal…

Continua

Autostrade, la revoca delle concessioni ora è dovuta

Alzi la mano chi si è sorpreso per l’arresto dell’ex amministratore delegato di Atlantia, la holding controllata dai Benetton che a sua volta controlla Autostrade per l’Italia. La nuova inchiesta riguarda le barriere fonoassorbenti (leggi l’articolo), ma è collegata alla vicenda del crollo del Ponte Morandi di Genova. Insomma, siamo là. Chi segue questo giornale…

Continua

Bonafede l’arcinemico dei boss

Da quando Giletti ha provato a farmi passare per amico di Buzzi, esibendo come prova la pistola ad acqua di una telefonata in cui cercavo di verificare una notizia alla fonte, spesso mi viene in mente quanto abbia pagato ben più caro il ministro Bonafede. Infatti, se con me il conduttore di Non è l’Arena…

Continua

Canzoni stonate sul Covid

Mentre Angela dalla spiaggia di Mondello ci canta che non ce n’è Coviddi (nella foto), con lo stesso sprezzo del ridicolo di un altro urlatore che però si esibisce al Papeete, altre cinque regioni – Abruzzo, Liguria, Umbria, Basilicata e Toscana – diventano zona arancione, e oggi la stessa sorte può toccare alla Campania. A…

Continua