Sembravano sardine. Erano squali

di Gaetano Pedullà

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non convinceva, ma ciò nonostante anche questo giornale aveva guardato alla nascita del fenomeno con attenzione, e pertanto non possiamo essere accusati della stessa ostilità di altri. Era strano però l’enorme strombazzamento della Sinistra e del suo sistema mediatico.

Anche l’esiguità della proposta politica era disarmante, per quanto su quella tela bianca si sarebbe potuto dipingere ogni cosa. Ma passate le urne non si è visto niente, se non incomprensioni tra referenti locali e il bacio della pantofola ai Benetton e al loro guru della comunicazione Oliviero Toscani. “Un’ingenuità”, è stata la giustificazione delle sardine cape a chi ha ricordato che dal giorno del crollo del ponte Morandi di Genova, in cima all’agenda politica del Paese c’è la revoca delle concessioni autostradali al gruppo di Ponzano veneto. Possibile perciò che sia stata solo leggerezza? Crederlo non è facile conoscendo lo storico rapporto dei Benetton con la Sinistra italiana, ben sostenuta anche con regolari e ricche donazioni. Ma ieri Santori ha gettato la maschera, dicendo che opponendosi ai vitalizi i 5 Stelle non hanno “seguito l’attualità dell’agenda di governo” – ah, ora la conoscono l’agenda! – e bocciato come “strumentale” la manifestazione di sabato prossimo in piazza a Roma proprio contro il ripristino di questo intollerabile privilegio.

Alle sardine interessa solo riscrivere i decreti sicurezza, su cui peraltro anche il Movimento oggi retto da Vito Crimi è d’accordo nel recepire le osservazioni del Quirinale e aggiustare persino di più, alla luce dei limiti fin qui dimostrati dai provvedimenti. Nel frattempo però per Santori e compagni i Benetton possono continuare a fare soldi con le autostrade regalate dallo Stato, i parlamentari tenersi i loro vecchi benefici e il Paese restare quello che è. Ce l’avessero raccontata così sin dall’inizio, invece che sardine li avremmo chiamati squali.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Tre lezioni che arrivano dalle urne

Cronache dalle urne. 1) Gli italiani hanno tanta fame di riforme da non farsi più fregare dagli opportunisti di destra e sinistra, con i poteri forti e i loro giornaloni schierati platealmente contro il taglio dei parlamentari. Il Movimento Cinque Stelle ci ha creduto fino in fondo, e a differenze di chi promette dai tempi…

Continua

Dal Recovery Fund a Dublino. La svolta della von der Leyen porta la firma dei 5 Stelle

L’Italia canta vittoria in Europa. Anche i partiti più euroscettici e sovranisti devono ammettere che l’epoca dell’austerità e delle spallucce di Juncker è dimenticata, e con la presidenza della von der Leyen il nostro Paese ha un ascolto mai visto prima. Dal superamento del regolamento di Dublino che ci ha ridotto a campo di accoglienza…

Continua

Tenetevi pure gli statisti di una volta

Ah quanto erano bravi i politici di una volta! Quelli sì che erano statisti, mica gli scappati di casa che stanno oggi al governo. Certo, i campioni della Prima Repubblica, da Andreotti a Craxi, ci hanno lasciato un Paese scassato e con un debito pubblico da paura, per non dimenticare – se non andiamo a…

Continua

Una destra negazionista per natura

Negazionista per natura. L’involuzione della destra italiana, da storica area culturale e politica alla compagnia di avanspettacolo del trio Salvini, Meloni e Covid Berlusconi ha aggiunto un nuovo carattere biologico ai suoi sostenitori, diventati bastian contrario a prescindere. La pandemia è pericolosa? Ma no, muore poca gente e le mascherine non servono a niente. Con…

Continua

Meloni & C. vogliono le poltrone

Capiamo i leader della vecchia politica e quelli che il blog di Grillo chiama i dinosauri (del Palazzo), signori a cui nemmeno passa per la testa di segare l’albero sul quale stanno seduti da decenni o sognano di riprendersi uno strapuntino. Un ceto politico che perlomeno ci ha messo la faccia – seppure di bronzo…

Continua

Il Capitano scaricato dal Carroccio

Nelle messe cantate di Porro e Del Debbio sugli straordinari meriti del Centrodestra e della Lega non se n’è mai parlato, e meno che meno nelle sacre scritture di Belpietro e Sallusti perennemente contro Conte e i 5 Stelle, ma sul fronte dell’opposizione è in arrivo l’Apocalisse. Per il Covid e per ovvi motivi anagrafici…

Continua

Sulla scuola un caos criminale

L’inizio della scuola è da sempre un Far West. Proteste, insegnanti che mancano, studenti che non si sa dove mettere. Politica e sindacati ci sguazzano, ma poi la campanella suona e si pensa a studiare. Un diritto che quest’anno si sta mettendo in pericolo con l’antologia più aggiornata delle brutte lezioni. Gestire il rientro in…

Continua

Il Covid e altri dubbi sul vaccino

La sperimentazione del vaccino contro il Covid-19 sviluppato dalla multinazionale AstraZeneca in collaborazione con Oxford e l’azienda italiana Irbm è stata sospesa per un possibile effetto collaterale su uno dei soggetti a cui è stato iniettato il farmaco. Niente è compromesso, perché la complicanza potrebbe non essere collegata al test, ma in questi casi la…

Continua

La Giustizia di Willy e di Battisti

La telefonata del presidente del Consiglio ai genitori di Willy Monteiro è un gesto pieno di umanità e al tempo stesso di speranza nella giustizia. La morte di un ragazzo di appena 21 anni, dilaniato da un branco di coetanei, porta con se tutta la violenza e il deserto di valori in cui vive incosciamente…

Continua

M5S e Pd vicini ma divisi

Perché Nicola Zingaretti ci ha messo tanto per dire Sì al referendum tagliapoltrone? Perché è lampante che un mucchio di notabili del Pd non vuol saperne di ridursi le cadreghe, e perché la base dem preferirebbe una legnata nelle zone basse piuttosto che riconoscere al Movimento di aver fatto qualcosa di buono. Morale della storia:…

Continua