L'Editoriale

La Sinistra sbaglia tutto sulle tasse

tasse Letta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Indro Montanelli diceva che la Sinistra ama talmente i poveri che ogni volta che va al potere li aumenta di numero. Quella – si dirà – non era la sinistra di adesso, e questo è vero, perché i pronipoti di allora amano pure il ceto medio, e quindi teniamoci stretti perché questa è la parte del Paese più tartassata da decenni, e l’idea di una nuova imposta sulle eredità lanciata da Letta è tutt’altro che equa e sostenibile.

Chiedere soldi a chi si ritrova un patrimonio – fosse anche di cinque milione – significa costringerlo a vendere titoli o immobili, deprimendo ancora di più mercati in questo momento fragili, e che stanno in piedi solo grazie al doping monetario delle banche centrali di tutto il mondo. I soldi di questa tassa – è la facile considerazione di chi è d’accordo – permetteranno di far uscire i giovani dall’emergenza Covid.

Ma un Paese che con nuove imposte prolungherà inevitabilmente la crisi, quei giovani li caccia all’estero, e a chi rimane darà pure qualche corso di università in più o qualche sussidio, ma pochissime opportunità di lavorare e guadagnare. La leva fiscale quindi è fuori luogo, e fa impressione sentire brillanti esponenti di sinistra e dintorni difendere questa soluzione a ridosso di una pandemia, quando invece è dimostrato che l’unica strada per la rinascita sono le politiche espansive, compresa la riduzione – e non l’aumento – delle tasse.

Come fare allora a riportare sotto controllo il debito pubblico schizzato alle stelle e dare anche in Italia opportunità ai giovani? Una politica di sinistra moderna dovrebbe spingere su governi e banche centrali per abbuonare un debito storico e in gran parte abbondantemente restituito con i tassi da usura lasciati decidere con regole gruviera dai mercati.

Invece di prendersela con chi eredita cinque milioni, magari con immobili invendibili e a reddito negativo, Letta e i teorici di questa patrimoniale sfidino la Lagarde, la Merkel e la von der Leyen, con il codazzo di banchieri e industriali che hanno dietro. Li di soldi da prendere ne trovano quanti ne vogliono. Ma è troppo facile scommettere che a quelle porte non busseranno.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »