Toti e i veri meriti del ponte di Genova

di Gaetano Pedullà

Il governatore della Liguria, Giovanni Toti, deve avere un fratello gemello, perché quello che ieri parlava del nuovo ponte di Genova come un modello per l’Italia non può essere lo stesso che ha cercato di tenere in gioco per mesi la società Autostrade dei Benetton. Fu invece l’allora ministro Danilo Toninelli, con la copertura di tutto il Movimento Cinque Stelle e contro le resistenze della Lega (alleata di Toti) a pretendere che l’opera venisse affidata a un soggetto diverso da quello che deve ancora rispondere dei 43 morti e del crollo del viadotto.

Giornalista non proprio d’assalto – la migliore qualità per far carriera – Toti deve a Berlusconi la direzione di un Tg Mediaset, il finto incarico di coordinatore di Forza Italia e la presidenza della Regione. Regali di cui si è dimostrato riconoscente saltando giù dal carro del Cavaliere per traslocare nell’orbita di Salvini con un proprio partitino dallo zero virgola. Una mossa affrettata, sincronizzata sul fuso orario del Papeete e di una tornata elettorale sventata dalla nascita del Governo Conte2.

Un errore politico monumentale per il leader della Lega, che auto-confinatosi all’opposizione deve guardarsi le spalle persino dai suoi colonnelli Giorgetti e Zaia, mentre nel Centrodestra cresce la voglia di un Esecutivo tecnico pur di tornare a contare e mandare a casa i Cinque Stelle. In questo quadro al povero Toti non sembra vero di riavere il ponte, e non per buttarsi di sotto, ma per salvare la faccia con un po’ di passerella. Una smania di palcoscenico che non poteva perdere l’occasione dei vincoli sanitari per il Coronavirus.

Ecco arrivare così un’ordinanza regionale che permette ai liguri di circolare molto più di quanto sia possibile fare nel resto d’Italia a causa di un Presidente del Consiglio che ha messo tutto sotto chiave. Ora la ripartenza dei contagi in Francia e Germania gli dà evidentemente ragione, ma questo non basta se in cima alle priorità non c’è la salute dei cittadini. E in Liguria, dove le elezioni locali si avvicinano, seppure i decessi per Covid restano elevati, Toti sa bene che i morti non votano.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Fontana e una tregua necessaria

Ieri ho ricevuto non poche telefonate e messaggi in cui mi si chiedeva se ero stato davvero io a dire nella trasmissione Dritto e Rovescio di Paolo Del Debbio che sull’ospedale in Fiera a Milano il governatore Fontana non ha sbagliato. Ma come: dopo aver denunciato una quantità industriale di errori nella sanità lombarda –…

Continua

Privilegi duri a morire

Se vogliamo cambiare sul serio questo Paese dobbiamo dimenticare la tentazione di arrenderci, anche quando la salita si fa più dura e viene naturale la voglia di lasciar perdere e campare meglio pensando al nostro orticello. Dunque mettiamo in conto delusioni e sconfitte, perché il sistema si è sempre difeso con ogni mezzo, e non…

Continua

Le riforme costano pure al Papa

Comunque la si pensi, pochi Papi hanno riformato la Chiesa come Francesco. La nuova apertura, netta e profonda, dopo anni di maturazione sul tema dei diritti civili delle persone omosessuali, è l’ultimo anello di una catena in cui si legano le ragioni del terzomondismo, la dignità dei migranti, il rispetto della nostra casa comune Terra,…

Continua

Dai Comuni un’inutile sceneggiata

Il barese Antonio Decaro, presidente dell’Anci, l’associazione nazionale del Comuni, in un Paese normale ieri sarebbe corso a dimettersi. Domenica scorsa, dopo l’annuncio del Dpcm che voleva coinvolgere i sindaci nella gestione dell’emergenza Covid, Decaro aveva gridato allo scandalo, accusando il premier di aver scaricato le sue responsabilità sui municipi e promettendo di non partecipare…

Continua

Calenda e la stampa che piace

In un Paese dove si va continuamente a votare, e migliaia di candidati non hanno neppure un minuto sulle tv locali per presentarsi, il trattamento riservato a Carlo Calenda dice tutto su quanto e come sia schierata la stampa italiana. Anticipato da pagine e pagine di giornali, l’ex ragazzo dei Parioli, ma anche ex collaboratore…

Continua

Solo i 5S difendono scuole e imprese

Sono davvero forti i governatori di Regione, i politici di ogni calibro e gli opinionisti da salotto tv che chiedono in coro più rigore sul Covid ma senza far danno all’economia. Se le parole non sono fiato in libertà, il maggiore rigore vuol dire chiusure anticipate di molte attività, a partire dai già martoriati bar…

Continua

Governatori peggio del Covid

Mentre litigavamo in tv con quei mattacchioni della destre per cui le mascherine non servono a niente e Conte ci ha imposto una dittatura sanitaria, il virus ha fatto il suo corso e ora che siamo a quasi novemila contagi al giorno la situazione rischia di sfuggire di mano. I più irrequieti sono i governatori,…

Continua

Uno Stato che non spia ma ci tutela

La mattina accusano il Governo di varare norme liberticide, scavalcando il Parlamento col continuo ricorso ai Dpcm, e la sera protestano perché lo stesso Governo preso a schiaffi non li coinvolge nelle sue decisioni. Salvini e Meloni, in perenne sindrome da dottor Jekyll e Mister Hyde, continuano ad ignorare la realtà, col nuovo record dei…

Continua

Quanti folli che giocano col Coronavirus

Com’era prevedibile, siamo arrivati a quasi seimila nuovi contagi al giorno, 41 morti e i reparti Covid degli ospedali che tornano a riempirsi, ma c’è ancora un manipolo di irresponsabili che per imbecillità o miope polemica col Governo minimizza la pandemia, accusa a casaccio Conte e il ministro Speranza di azioni liberticide, paragonandoli addirittura alla…

Continua

A Roma fanno santi Libano e il Dandy

A furia di raccontare a teleschermi unificati che i 5 Stelle sono incapaci e impreparati, molte persone si sono convinte che questo sia vero, e adesso anche se li vedessero camminassero sulle acque salverebbero Barabba e pure Lucifero piuttosto che Di Maio e C. Colpa anche del Movimento, che con tanti eletti e attivisti non…

Continua