L’ultima balla sul Movimento che scende in piazza contro il suo stesso Governo

di Gaetano Pedullà

Se si potesse avere un centesimo per ogni bugia messa in circolazione dalla nascita dei Cinque Stelle ci potremmo pagare tutto il debito pubblico italiano, e in tasca ci resterebbe pure qualcosa. Le puntate precedenti le conosciamo: quello dei grillini è il partito (mentre in realtà è un Movimento) delle tasse e delle manette, nemico delle imprese e dei cantieri, zeppo di furbetti attaccati alla poltrona e che non restituiscono lo stipendio. Alle elezioni regionali ed europee hanno perso sempre e perciò sono finiti. Ora basterebbe un microbo di onestà intellettuale per riconoscere che seppur di poco le tasse le hanno abbassate, al contrario di chi invece prometteva di ridurle drasticamente ma poi non ha cancellato nemmeno le accise sulla benzina.

I cantieri aperti sono aumentati, le manette spettano solo a chi è condannato e non potrà continuare a farla franca grazie alla prescrizione. Sui rimborsi elettorali e la parte degli stipendi restituita dai parlamentari stendiamo un velo penoso: chi si straccia le vesti perché qualche deputato e senatore dei 5S non ha fatto i bonifici promessi non si è mai posto il problema di ridare ai cittadini un solo centesimo. E non parliamo poi dell’accusa di non mollare le poltrone, fatta da partiti che in Parlamento ci stanno da decenni. Se poi sono finiti o meno lo vedremo alle prossime elezioni politiche, magari quando si vedranno gli effetti delle cose buone che hanno fatto in un anno e mezzo di Governo.

Cose fatte seppure con due maggioranze diverse e nonostante il tentativo di cancellare gli atti più importanti: dal Reddito di cittadinanza al taglio dei parlamentari e dei vitalizi. Arriviamo così all’ultima delle bugie, quella di giornata, sparata da giornali e tv, e ripetuta all’infinito senza un briciolo di verità, sperando che riferendola all’infinito possa fregarci tutti. In sostanza, con un record olimpico d’incoerenza, il Movimento scenderebbe in piazza la settimana prossima per protestare contro l’Esecutivo di cui fa parte, e quindi contro se stesso. Una balla assoluta, come sa bene chi legge questo giornale, che tre giorni fa ha segnalato per primo l’iniziativa spontanea di migliaia di attivisti M5S per opporsi con una manifestazione davanti al Senato al ritorno dei vitalizi.

Una decisione che anche uno studente al primo anno di Diritto costituzionale sa perfettamente non avere nulla a che fare col Governo, in quanto le Camere decidono sul loro funzionamento in regime di autodichia (cioè autonomamente). A una tale pressione partita dalla base, i portavoce Cinque Stelle hanno dato il giorno dopo il loro sostegno, e successivamente l’ex capo politico Luigi Di Maio ci ha messo un carico in più, allargando la protesta contro il tentativo di cancellare le leggi del Movimento. Un tentativo che evidentemente non parte dal Governo di cui l’M5S è azionista di maggioranza, anche perché mai e poi mai il premier Giuseppe Conte ha avallato lo stop al Reddito di cittadinanza che invece vogliono Salvini, Berlusconi e la Meloni, mai ha bloccato il ministro Bonafede per far vincere Renzi e parte del Pd sul ritorno della prescrizione, e mai e poi mai ha favorito in qualunque modo chi ci porterà a votare a fine marzo per il più inutile dei referendum, con cui il sistema tenterà di salvare le poltrone a più di 400 parlamentari.

Questi sono i motivi per cui il Movimento va in piazza, e in nessuno di questi c’entra in alcun modo il Governo, se non nella misura in cui dovrebbe emetterlo prima o poi un decreto che svergogni chi racconta fesserie su giornali e tv, in questo caso offrendo a Zingaretti l’opportunità di credere a un imbroglio che non c’è, e vederci dentro chissà quali trame di Di Maio contro Conte. Giochetti da Prima Repubblica di cui i retroscenisti politici scrivono da mesi, e che sempre per le stesse fake news sarebbero il pensiero fisso di chi vive il Movimento come un taxi verso il potere e non come un mezzo rivoluzionario e forse irripetibile per cambiare davvero e dalle fondamenta questo Paese.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Salvini e Toti sotto a un ponte

Quelli che ieri hanno usato il nuovo ponte di Genova per dimostrare che la revoca della concessione ai Benetton è stata una presa in giro da parte del premier Conte e dei 5 Stelle (ad esempio Salvini e Toti) sono più falsi di una moneta da tre euro. In realtà, l’affidamento temporaneo alla società Autostrade,…

Continua

Chi copre i signori dei caselli

Sono dispiaciutissimo, ma devo riconoscere la sconfitta. L’altra sera nella trasmissione tv di Nicola Porro ho provato a far dire al governatore Giovanni Toti se sta dalla parte degli automobilisti liguri o dei Benetton, e lui nonostante non sia esattamente filiforme mi è sfuggito come un’anguilla. Certo il contesto del programma non aiutava, e decenni…

Continua

Una favola e Toti salva i Benetton

Una regione fatta prigioniera e chi se ne dovrebbe vergognare impazza in tv facendo campagna elettorale, ovviamente trasferendo ad altri le responsabilità proprie e di chi guadagna un sacco di soldi proprio per impedire un tale disagio. Ha dell’incredibile quello che accade da giorni in Liguria, con le autostrade paralizzate per i controlli sulla stabilità…

Continua

Un assalto indecente a Toninelli

Lasciatevelo dire da chi di aggressioni verbali se ne intende, benché essere bullizzato nei talk show televisivi da tutti gli ospiti contro uno, piuttosto che venire coperto da insulti sui social network, è nulla rispetto all’accerchiamento subito qualche giorno fa dall’ex ministro Danilo Toninelli. Per chi ha di meglio da fare che seguire la pagina…

Continua

Pure alleati M5S e Pd sono diversi

Allearsi su specifici obiettivi non significa fondersi, e se a invitare 5 Stelle e Pd a un supplemento di riflessione è anche il premier Giuseppe Conte, pure le basi più recalcitranti dovrebbero valutarne meglio i pro e i contro. Il Movimento, con la sua giovane storia, è cosa ben diversa dai dem, che non hanno…

Continua

Basta regali, condoni e l’inutile Tav

Chi sperava in una raffica di condoni con la scusa dell’economia in stallo per il Covid deve rassegnarsi ad attendere un altro Governo in chissà quale altra legislatura. A chiarirlo è stato ieri lo stesso premier Giuseppe Conte, ammettendo che non c’è riforma più urgente del semplificare la nostra burocrazia, ma questo non significa fare…

Continua

La Verità che sa di balla

Cari lettori de La Notizia, giovedì scorso abbiamo saputo che non esistete nemmeno, perché il direttore di un giornale nato alcuni anni dopo di noi ha sentenziato così, svicolando in questa maniera dalla balla di un milione di cassa integrati non pagati dall’Inps, e soprattutto dalla vergogna del ripristino dei vitalizi per gli ex senatori.…

Continua

Terrorismo su Inps e pandemia

Ci sono molti modi di fare terrorismo. Conosciamo bene quello politico e religioso, mentre la novità è quello sanitario, di gran moda nel crescente numero di scettici sul Covid. Non avevamo idea però di arrivare al terrorismo assistenziale. A tirare le bombe sono da settimane alcuni giornali, immancabilmente rilanciati nei talk show televisivi, quasi tutti…

Continua

Il Carroccio di Salvini ora è di Zaia

Viva la faccia, il governatore del Veneto Luca Zaia non fa lo stesso giochino di Salvini, prendendo in giro con una felpa ogni volta diversa le città del Nord o del Sud in cui si reca, e rivela onestamente la vera natura della Lega, un partito del Settentrione, divisivo e con in testa solo l’autonomia…

Continua

L’orgoglio Cinque Stelle non fugge

Anche la senatrice Alessandra Riccardi se ne va dai Cinque Stelle, ovviamente senza lasciare la poltrona che mai avrebbe potuto avere senza i voti del Movimento, e come tanti altri prima di lei sputando pure nel piatto in cui ha mangiato. Insieme alla deputata Alessandra Ermellino, anche questa uscita ieri dal gruppo, ha addossato ad…

Continua