L'Editoriale

Una lezione da Traini e Riace

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Giornate difficili sia per i razzisti che per gli ultrà dell’accoglienza. I primi hanno visto cadere una loro bandiera, quel Luca Traini che aveva vendicato la morte della povera Pamela, a Macerata, sparando a degli uomini a caso, solo perché erano di colore. Condannato a dodici anni, Traini ha chiesto scusa in tribunale e rinnegato quell’odio razziale di cui era diventato un simbolo, omaggiato con cortei e osannanti scritte sui muri. Dall’altra parte, il monumento esattamente contrario innalzato a Riace è caduto rovinosamente sotto i colpi della magistratura. Il sindaco, che per i Saviano, Boldrini & C. era un modello di accoglienza dei migranti, è agli arresti domiciliari per aver permesso ad alcuni immigrati di stabilizzarsi in Italia aggirando le leggi già piuttosto sforacchiate in materia. Una misura cautelare che ha costretto a un triplo salto carpiato la Sinistra tradizionalmente forcaiola, al punto da riesumare l’assurdità che la legge si rispetta solo se la si ritiene giusta, mentre in caso contrario la disobbedienza civile è sempre legittima. I codici, insomma, vanno bene solo quando fanno comodo a noi. E pazienza se nella generalità delle liti davanti a un giudice, per ogni soggetto che festeggia il suo buon diritto ce n’è un altro che soccombe, e che quindi considererà ingiusta la sentenza. I due casi, così distanti e insieme speculari, sono la prova che sui grandi temi dei nostri tempi servono idee e non eroi – positivi o negativi che siano – o peggio, le tifoserie.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA