L'Editoriale

Una lotteria sulla vita dei migranti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

’Cera una volta il Re Sole, la monarchia assoluta che decideva della vita e della morte dei sudditi. Poi venne la democrazia e la promessa dello Stato di diritto che prendeva il sopravvento. A vedere dove siamo arrivati, quella promessa oggi è un’illusione. Chi governa non decide più solo dei propri sudditi, ma anche di migliaia di persone in marcia da ogni parte del mondo, spedite o respinte dall’Europa a seconda di come gira al signore di turno. Navi cariche di uomini sono al centro di una lotteria dove fino a qualche settimana fa vinceva quasi sempre l’Italia, costretta a fare da Paese di approdo per tutti. Adesso, grazie ai metodi sicuramente rudi ma di certo efficaci dei ministri Salvini e Toninelli, a questa riffa partecipano anche Spagna, Malta e palesemente a malincuore la Francia, sbarcando però i profughi raccolti dalle Ong non sulla base di un piano condiviso e razionale, ma a seconda della benevola concessione rilasciata volta per volta da chi cede per primo alle pressioni mediatiche e internazionali. In una parola, siamo tornati ad attribuire ai governanti europei, benché eletti, un diritto di vita e di morte che nulla ha a che fare con lo stesso mandato conferito dagli elettori. È accettabile tutto questo? No che non lo è, ma se a un problema non si sa trovare una soluzione alla fine lo spazio lasciato vuoto dalle regole sarà necessariamente occupato da decisioni dispotiche e irrazionali, dove a vincere è sempre il più forte. E in questo campionato l’Italia non ha mai brillato, anche se adesso con nuovi capitani non siamo più la squadra cenerentola del torneo.

Gli ultimi editoriali

Segnali di saggezza da Marte

Dopo aver assistito inerme alla lapidazione quotidiana dei Cinque Stelle sul 98% dei giornali e telegiornali dello Stivale, ieri Beppe Grillo ha svelato ai suoi

Continua »