L'Editoriale

Una manovra a prova di divisioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola di 5Stelle e Lega. Intanto da Palazzo Chigi al Ministero dell’Economia si lavora per presentare una manovra finanziaria molto diversa rispetto al passato, ma senza stravolgere gli impegni presi con l’Europa e i mercati. Un’impresa non facile, perché i soldi sono quelli che sono e la coperta è molto più corta rispetto agli anni scorsi. Le previsioni di crescita del Paese sono più basse rispetto a quando la Banca centrale di Mario Draghi aveva appena cominciato a comprare titoli del nostro debito pubblico per miliardi di euro al mese, e i precedenti governi hanno pure lasciato un sospeso da 15 miliardi, pena l’aumento dell’Iva. Su questa manovra del cambiamento lo storytelling del momento sui grandi giornali è quello di una guerra senza esclusione di colpi tra Di Maio e Salvini per trovare ognuno solo le risorse che servono alle promesse di bandire: il Reddito di cittadinanza del Movimento e la Flat tax del Carroccio. Un racconto forzato, se non malevolmente enfatizzato, perché M5S e Lega non hanno scelta che far partire entrambe le riforme, pena un allontanamento istantaneo dei rispettivi elettori, tra l’altro ormai a ridosso delle elezioni europee.

Dove si troveranno dunque i denari? Fare economia nel gigantesco corpaccione della spesa pubblica – una bestia da oltre 800 miliardi l’anno – non è facile ma nemmeno impossibile se si inizia a destinare le risorse prima alle grandi promesse elettorali, poi ai costi fissi necessari per far funzionare lo Stato e infine si arriva a tutte quelle contribuzioni – in molti casi non si sa più nemmeno concesse a chi – che impegnano quasi 150 miliardi.
Per capirci: far partire il Reddito di cittadinanza costa 10 miliardi mentre alzare a un livello minimamente dignitoso le pensioni minime blocca 3 miliardi. Questo non vuol dire, va ribadito , che presentare una manovra coraggiosa sia facile, ma chi dice che è impossibile mente sapendo di mentire.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA