Uno sguardo più lungo sull’Europa. L’Ue sta cambiando. Ecco perché ci fa ben sperare

di Gaetano Pedullà

Devo ringraziare l’ex vicedirettore e con me cofondatore di questo giornale, Marco Castoro, per avermi dato ancora una volta un prezioso spunto di riflessione. Preso dall’evidente nostalgia dei tempi in cui La Notizia bombardava quotidianamente l’Europa, ha ripescato una nostra prima pagina in cui beffardamente titolavamo “Paraculona” (si veda l’edizione dell’11 settembre 2015) sotto la foto della Merkel che si concedeva ai selfie nella folla manco fosse Salvini tra le sdraio del Papeete.

La Notizia di allora sosteneva apertamente le posizioni euroscettiche di 5 Stelle e Lega, mentre oggi solo quest’ultima forza politica appare coerente nella sua persistente opposizione a Bruxelles, al contrario nostro e del Movimento accusati di esserci piegati ai grandi poteri Ue. In realtà però le cose non stanno così, anzi! L’Europa con al timone Juncker, spalleggiato dai falchi del rigore sui conti pubblici, andava contestata come milioni di italiani hanno poi fatto giustamente, riempiendo di voti i due schieramenti populista e sovranista.

Perciò possiamo dire che in quella stagione il nostro giornale dimostrò di vedere più lungo di altri, anticipando un flusso che sarebbe cresciuto lentamente e che non era esattamente quello sostenuto dalla quasi totalità dei giornali e delle tv nazionali. Capimmo insomma dove stava un problema e dove andava il vento, esattamente come facciamo anche oggi quando spieghiamo ai nostri lettori che quell’Europa sta cambiando verso.

I motivi di questo cambiamento sono tanti, e i più palesi sono quelli contingenti di una stagnazione economica che ha contagiato persino la locomotiva tedesca, frenata dalla guerra dei dazi tra Usa e Cina, rivelando che l’Unione europea è meno di un vaso di coccio tra due vasi di ferro. Ma c’è di più. I Paesi periferici, tenuti per anni alla larga dalla stanza dei bottoni, hanno preso coscienza della loro forza e oggi riescono a imporre alla direzione del Fondo monetario internazionale una loro candidata – la bulgara Kristalina Georgieva – riuscita a imporsi al capo-guardiano dell’austerità, l’olandese numero uno dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem.

Questo e molti altri segnali, compresa l’esiguità dei voti con cui è passata la presidenza della von der Leyen al Parlamento europeo, rivelano che in Europa si sta facendo largo la consapevolezza di attuare nuove politiche espansive e di condivisione, come d’altra parte ha detto chiaramente la stessa presidente della Commissione nel suo discorso d’insediamento. Con questa Europa si può dialogare, anche per cambiare le regole che non vanno e che non cambieranno mai limitandosi ad abbaiare alla luna dalle piazze o dai banchi di un’opposizione sterile com’è quella in cui si è relegata la Lega.

Un’analisi, questa, che non è facile da fare arrivare al grande pubblico, come anni fa non era facile spiegare il danno che stavano facendo Merkel e Juncker, ma presto o tardi i cittadini vedranno, ovviamente a patto che gli impegni su flessibilità e revisione dei trattati non si sciolgano come neve al sole. Un punto sul quale si può essere però fiduciosi, e non per l’illusione di un ravvedimento di chi in Europa ha sempre fatto i suoi interessi e non c’è dubbio che proverà a farseli ancora. L’ottimismo sul cambio di priorità – dai mercati, le multinazionali e la grande impresa ai servizi per i cittadini, il welfare e la sostenibilità ambientale – risiede in due argomenti testardi.

Il primo è che il cosiddetto establishment si è preso una bella paura per l’avanzata un po’ dappertutto delle forze euroscettiche, e si è reso conto che tenendo stretti i cordoni della borsa si rischia di fare danni inestimabili, a partire dal naufragio della stessa idea di Europa e a cascata della moneta comune. Il secondo fattore sta nelle munizioni di chi ha contrattato e continuerà a farlo con i poteri forti. Senza il voto determinate dei Cinque Stelle alla von der Leyn – per capirci – l’Italia avrebbe avuto il commissario alle frattaglie e non certo Paolo Gentiloni agli Affari economici. Una fiducia che se la presidente tradirà gli impegni sarà revocata. Ce n’è abbastanza per credere che la nuova Ue sarà diversa da quella di prima?

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La destra più vigliacca di sempre

Gli appassionati del nostro sempre più imbarazzante regionalismo si segnino che ieri a Reggio Calabria è crollato il tetto del Consiglio regionale mentre in Puglia si sono schiantati decenni di battaglie per la parità di genere, con il Governo Conte costretto a nominare un prefetto per dare alle donne una vera chance di successo alle…

Continua

La condanna di Matteo c’è già stata

Se quella sui camici di Fontana è un’inchiesta a orologeria, ovviamente l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è un processo politico. Dicono così dalle parti della destra più becera e meno legalitaria del mondo, trascinata da quasi tre decenni di berlusconismo nella più smaccata insofferenza verso tutto ciò che ha a che fare con la…

Continua

I renziani affamati di poltrone

Chissà chi sta messo peggio tra i due Matteo, uno che oggi rischia di finire sotto processo per la vicenda Open Arms e l’altro che ormai stabile nei sondaggi sotto al 5% comincia a non governare più la sua truppa. Proprio per questo motivo ieri al Senato è saltato l’accordo politico sulle presidenze delle commissioni…

Continua

La dittatura sanitaria e altre bugie

Con la credibilità di chi prima voleva tutto aperto, poi tutto chiuso, adesso tutti in giro senza mascherina perché il Covid è finito, ma a patto che non si tratti di migranti perché spargono il Covid (ma non era finito?), ieri Matteo Salvini ha fatto in Senato un altro show, dopo il delirante convegno negazionista…

Continua

Un comitato scientifico da paura

Se vi hanno appassionato le giravolte dei virologi, il nuovo comitato tecnico scientifico presieduto da Salvini, Sgarbi e Bocelli vi entusiasmerà ancora di più. I luminari, notoriamente esperti di virus e pestilenze, ieri ci hanno informato che ancora oggi milioni di persone fanno finta di contagiarsi nel mondo, perché prendersi il Covid deve essere diventato…

Continua

Manca Totò alla tavola dei Fondi Ue

La pappa non è ancora arrivata ma un sacco di gente si è già seduta a tavola. E vista la fame di questi tempi, il finale di Miseria e nobiltà, con Totò che si infila in tasca gli spaghetti, sarà nulla a confronto. Parliamo del Recovery Fund, la montagna di miliardi che il premier Giuseppe…

Continua

Recovery festival delle bugie

Non ne azzeccano una neanche per sbaglio, ma più sono smentiti dai fatti più girovagano per le tv a confondere le acque su quello che è appena successo in Europa. La quasi totalità dei giornalisti fissi nei talk show anziché chiedere scusa per aver sballato tutte le previsioni sul Recovery Fund, da ieri ci spiegano…

Continua

Aspettando gli aiuti di Paragone

Tra i fenomeni da circo della politica italiana quest’estate va di moda il numero della testa nella bocca del leone. La capoccia ovviamente non è quella di Lorsignori ma la nostra, che secondo mezzo Pd e i soliti Renzi, Calenda e Berlusconi (sempre più anime di uno stesso partito) dovremmo  infilare nella tagliola del Mes,…

Continua

A Bruxelles vincono gli egoismi

Mentre un esercito di volpi della politica italiana, anche nel Governo, non risparmia critiche a Conte e ai Cinque Stelle perché si ostinano prudentemente a non chiedere i soldi del Mes, l’Europa getta la maschera, rivelando di essere a malapena un’Unione mercantile, perennemente a corto di valori come la solidarietà tra Stati o la condivisione…

Continua

A Virgì scordamoce sti scribani

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di…

Continua