Elezioni francesi con l’incubo terrorismo. Da Le Pen a Macron fino a Mélenchon e Fillon, ecco chi sono i candidati all’Eliseo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le elezioni presidenziali 2017 in Francia si avvicinano in un clima di paura dopo la sparatoria a Parigi, sui Campi Elisi. E i sondaggi delle ultime ore potrebbero essere capovolti da una situazione di oggettiva preoccupazione dell’escalation jihadista. Al termine del primo turno, tuttavia, non ci sarà alcun vincitore: i primi due candidati dovranno affrontarsi al ballotaggio del 7 maggio.

Ecco chi sono i candidati alle elezioni presidenziali 2017 in Francia

 

Emmanuel Macron presidenziali
Emmanuel Macron

Emmanuel Macron – L’ex ministro dell’Economia, 40 anni al prossimo dicembre, è il grande favorito delle presidenziali 2017 in Francia. Con il suo movimento En marche ha saputo cogliere il vuoto lasciato dai partiti tradizionali, la destra gollista e i socialisti. Macron, ex dirigente socialista (è stato ministro dal 2014 al 2016 nel governo Valls), ha costruito un profilo liberale ma con una parte di ispirazione progressista, tanto che per molti è considerato il “leader centrista”.

 

Elezioni Francia
Marine Le Pen

Marine Le Pen – La leader dell’estrema destra, 49 anni, è stata a lungo in testa nei sondaggi. Nelle ultime settimane ha subito un lieve calo, subendo il sorpasso di Macron. Tuttavia è la candidata più attesa e temuta: il suo programma è radicale, dall’abbandono dell’Europa alla chiusura delle frontiere contro il terrorismo. Il suo Front National ha cambiato l’immagine del partito, ripulendolo dall’ideologia più revisionista in ottica fascista. Nella sua carriera è stata più volte eurodeputata, incarico istituzionale di maggior prestigio del suo cammino politico.

 

Fillon
Francois Fillon

François Fillon – L’ex primo ministro, 63 anni, è il candidato dei Repubblicani . Alle primarie ha sconfitto Alain Juppe e Nicolas Sarkozy, due “grandi vecchi” della destra gollista francese. L’incarico di premier è stato ricoperto dal 2007 al 2012 (quando all’Eliseo c’era proprio Sarkò). Dopo il successo nella competizione interna era lanciatissimo: lo scandalo giudiziario ha indebolito il suo concenso, facendolo scivolare al terzo posto con il pesante rischio di essere escluso dal ballottaggio.

Jean Luc Mélenchon
Jean Luc Mélenchon

Jean Luc Mélenchon – Il leader della sinistra radicale, 65 anni, è l’uomo più in ascesa nei sondaggi delle ultime settimane. Nel 2008 è stato uno dei promotori della scissione nel Partito socialista in favore della nascita del Partito della Sinistra. Dal 2009 è europarlamentare, coltivando un profilo autonomo e assumendo posizioni molto critiche nei confronti dell’Europa.

 

Benoit Hamon
Benoit Hamon

Benoit Hamon – Il candidato dei socialisti, 50 anni, rappresenta l’anima più a sinistra del Partito socialista, che ha prevalso sul profilo più moderato dell’ex premier Manuel Valls. Hamon, è stato ministro della Solidarietà e anche dell’Educazione, raccoglie comunque la pesante eredità del presidente uscente François Hollande, nonostante la distanza su temi economici e sociali.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA