Energie rinnovabili, ecco le città virtuose. Il rapporto del Carbon disclosure project fa il punto sulle città che abbandonano le energie fossili

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Energie rinnovabili: come sappiamo l’Europa esorta i capi di Stato a optare per l’energia “green” e i governi, a loro volta, invitano utility e clienti a compiere questo passo ecologico. Sui comparatori online come SuperMoney, gli utenti possono valutare Enel e le sue offerte, quelle di Acea, di Eni, o di altri fornitori, e scegliere liberamente colui che propone l’offerta “green” più adatta alle proprie esigenze.  Ma se dovessimo chiederci quali sono le città più progredite del mondo? La risposta a questa domanda sul progresso globale delle energie rinnovabili, viene da un rapporto del Carbon disclosure project che rende noti i risultati del nuovo rapporto Global Cities Report 2015, analisi condotta in tandem con l’Aecom, che valuta come e quanto le città del mondo stiano preferendo le energie rinnovabili alle tradizionali, ma dannose, energie fossili.

Energie rinnovabili: chi sono Cdp e Aecom?

Quest’analisi ha coinvolto 308 città del mondo, di cui 162 hanno fornito informazioni dettagliate sulla quantità di energia prodotta da fonti fossili e da fonti rinnovabili. I protagonisti che hanno elaborato i dati sono stati, come già detto, Cdp e Aecom. Ma chi sono questi soggetti?

  • Carbon disclosure project: è un’organizzazione no-profit che offre ad aziende e paesi un sistema per analizzare e condividere i dati sul cambiamento climatico e idrico;
  • Aecom: è un’organizzazione che si occupa di analisi del rischio ambientale e di monitoraggio. Tra i compiti principali che svolge ci sono studi e valutazioni di impatto ambientale, progetti ingegneristici e tanto altro.

Energie rinnovabili e rapporto Cdp: spicca anche Padova

Sintetizzando i risultati emersi dal rapporto, le città latinoamericane, in media, traggono la maggior parte dell’elettricità da fonti rinnovabili (76%); le città europee hanno valori intorno al 59% e quelle asiatiche, invece, utilizzano elettricità proveniente da energie rinnovabili solo al 15%.

Tra le 68 città europee che hanno partecipato ai “test”, le più virtuose risultano essere Reykjavik, l’italianissima Padova e Zurigo, seguite da Funchal, Oslo, Stoccolma e Parigi.

Canberra, Stoccolma e Hong Kong: un futuro nelle energie rinnovabili

La produzione globale di energia elettrica incide per 12,6 gigatonnellate di emissioni di CO2 e, naturalmente, le città con maggior densità abitativa e maggior popolazione, incidono molto su questo dato. Canberra, Stoccolma e Hong Kong, sono tre tra le città emerse dal rapporto che puntano a azzerare la produzione energetica da fonti fossili.

Canberra si è impegnata a garantire che, entro il 2020, il 90% della sua elettricità sarà prodotta da energie rinnovabili;
Stoccolma è una delle città con l’obiettivo di produzione del 100% dell’elettricità da fonti rinnovabili.
La città amministrata da Karin Wanngård vuole diventare indipendente dai combustibili fossili entro il 2040;
Hong Kong  ha deciso di utilizzare incentivi finanziari per spronare le società elettriche a investire nelle rinnovabili, un gran passo avanti per il colosso industriale cinese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra i 5S e il ponte

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA