Eni e Finmeccanica, due disastri senza giustificazioni. Il Pd si è impuntato nel difendere i due manager al tempo delle nomine, ma i risultati pessimi ora sono sotto gli occhi di tutti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Governo ci ha pensato a lungo prima di confermare i capo azienda di Eni e Finmeccanica Leonardo, il primo Claudio Descalzi alle battute finali di un processo per corruzione e con la richiesta di 8 anni di carcere; il secondo Alessandro Profumo con una matrice finanziaria che c’entra poco con la produzione e il business dell’aerospazio. Il Pd però si è impuntato nel difendere i due manager, che peraltro erano stati nominati la prima volta uno da Renzi e l’altro da Gentiloni, e sono riusciti a farli restare ai loro posti, sostenendo che erano insostituibili di fronte alla gravità del quadro industriale. Il risultato è che Eni ieri è letteralmente crollata, annunciando una perdita di 7,34 miliardi che la costringono a rivedere il piano di costi e investimenti, oltre a una modifica del piano di remunerazione degli azionisti. Il titolo di conseguenza è crollato (-7,04%), non riuscendo a fare prezzo per buona parte della giornata. Deludentissimi anche i conti di Leonardo-Finmeccanica, con l’utile del primo semestre precipitato dell’82%, a soli 60 milioni, e l’Ad che continuava a sproloquiare di resilienza dell’azienda di fronte a una situazione estrema. Resilienza che però deve sfuggire agli azionisti, visto che il titolo ha perso il 50% solo dall’inizio di quest’anno.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA